NetShare e App Store: forse c’è speranza

Continua il piccolo giallo che circonda NetShare, l’applicazione creata da Nullriver che consente il thetering su iPhone. Dopo varie entrate e uscite di scena, pare che presto la ritroveremo su App Store, in versione riveduta e corretta.Il balletto a cui è stata sottoposta l’applicazione di Nullriver è oggettivamente assurdo: scompare senza avvertimento; ritorna per un

Parliamo di

Continua il piccolo giallo che circonda NetShare, l’applicazione creata da Nullriver che consente il thetering su iPhone. Dopo varie entrate e uscite di scena, pare che presto la ritroveremo su App Store, in versione riveduta e corretta.

Il balletto a cui è stata sottoposta l’applicazione di Nullriver è oggettivamente assurdo: scompare senza avvertimento; ritorna per un po’ e senza spiegazioni; viene fatta fuori di nuovo, di nuovo senza una legittima motivazione. E ciò, oltre a essere estremamente seccante e poco professionale, è incredibile soprattutto perché in fin dei conti gli sviluppatori sono una non trascurabile fonte di guadagno, per Apple. Dopo vari ripensamenti unilaterali, comunque, sembra che ora la situazione stia migliorando e giungendo a una conclusione, e sul sito della Nullriver si legge:


Siamo finalmente riusciti a entrare in contatto con Apple. Sembra che la mancanza di comunicazione derivasse da sistemi di email automatici utilizzati da ambo le parti, il che si traduceva in messaggi completamente perduti. Stiamo lavorando con Apple per riportare NetShare su App Store.

Il timore che le pressioni di AT&T possano spingere Apple ad edulcorare o limitare (nell’uso della banda? nel tempo?) NetShare appaiono piuttosto fondate e, a questo punto, non resta che attendere per saperne di più.

[Via Tuaw]

Ti potrebbe interessare