Steve Jobs aveva definito le due prossime generazioni di iPhone

Nel discutere la possibilità di aggiungere “l’autodistruzione” sui futuri modelli di iPhone, il rappresentante di Apple presso il governo degli Stati Uniti ha rivelato che le prossime due generazioni di iPhone sono già state sviluppate e sono state progettate prima della morte di Steve Jobs.

Parliamo di

Negli Stati Uniti per disincentivare il furto di smartphone stanno pensando di dotare tutti i prossimi dispositivi di un comando a distanza che li renda del tutto inutilizzabili, una sorta di autodistruzione che verrebbe attivata dagli operatori telefonici dopo la denuncia di furto.

All’incontro che si è tenuto per discutere la possibilità di inserire questa funzionalità nei prossimi smartphone è stata inviata anche Apple, che ha inviato alla riunione Michael Foulkes, rappresentante dell’azienda presso il governo degli Stati Uniti.

Foulkes ha rivelato che Apple non potrà inserire queste funzionalità nelle due prossime generazioni di iPhone, poiché questi erano già stati progettati sotto la direzione di Steve Jobs, prima ancora che Tim Cook prendesse le redini dell’azienda.

Questa rivelazione fatta da una fonte autorevole in una sede ufficiale, dimostra che la roadmap dei prodotti Apple dei prossimi anni era già stata definita da Jobs, smentendo quindi le voci degli analisti che spesso hanno accusato Apple di aver perso insieme al leader carismatico anche la capacità di creare prodotti di successo.

Ti potrebbe interessare
Adobe Wallaby porta Flash su iPhone
iPhone

Adobe Wallaby porta Flash su iPhone

A quanto pare, se Maometto non va alla montagna, mal comune mezzo gaudio e soprattutto occorre fare di necessità virtù. Nelle scorse ore Adobe ha reso disponibile l’anteprima di Wallaby, uno strumento per la conversione automatica dei file da Flash a HTML5 compatibile coi dispositivi che non dispongono di Flash Player, come iPhone e gli

Aggiornamenti per Office 2004 e 2008
iPhone

Aggiornamenti per Office 2004 e 2008

La Macintosh Business Unit di Microsoft ha rilasciato 2 aggiornamenti dedicati alla suite Office:Mac, uno per la versione attuale (2008) l’altro per quella precedente (2004).Entrambi gli update sono studiati per aumentare la stabilità e la velocità dei programmi, oltre a porre rimedio a diverse vulnerabilità scoperte recentemente.L’aggiornamento 12.1.2 per Office:Mac 2008 pesa 160Mb, quello 11.5.1