iBookstore, Tweet esplicito pubblicato per errore

Nelle scorse ore, su Twitter, Apple ha ritwittato un commento non proprio istituzionale attraverso l’account iBookstore. Il cinguettio è stato prontamente rimosso, ma ancora adesso è un profluvio di indignazione e battute.

Il messaggio che vedete qui sopra non ha bisogno di una traduzione nella nostra lingua, nonostante la sezione oscurata. Sembra incredibile, eppure è stato diramato attraverso l’account Twitter di iBookstore, solitamente utilizzato per pubblicizzare le novità editoriali e i consigli per gli acquisti.

Per carità, nulla di grave, tanto più che l’errore è stato prontamente corretto pochi istanti dopo. Ma la frittata oramai era fatta, e ai più non è sfuggita la beffarda ironia della situazione: da una parte Apple si riserva il diritto di decidere cosa passa e cosa no sul suo store attraverso sofisticate politiche di scrematura, e dall’altra si lascia scappare un tweet simile. Ricordate? La politica è tollerata per libri e musica, ma non per le app; i contenuti piccanti vanno evitati toutcourt, sia che si tratti di app che di media troppo spinti. E comunque, niente collegamenti agli store della concorrenza o riferimenti ad Android, ma questa è un’altra storia.

I commenti di risposta degli utenti quanto mai variegati. Da una parte c’è la mamma e maestra che smette di seguire l’account perché “non è stato affatto un retweet divertente;” dall’altra c’è chi pretende una spiegazione formale, e qualcun altro se la ride beatamente:

Non è che mi sia offeso, intendiamoci, però quel retweet è stato veramente sorprendente. Ma come, proprio loro con tutti i loro discorsi sulla moderazione del linguaggio?

E in effetti, come dimenticare la vicenda dello sfortunato NinjaWords, il dizionario –tuttora esistente– che ha dovuto penare 2 mesi per l’approvazione su App Store? Ci sono voluti ben tre rifiuti, per capire che il problema erano le parolacce di uso comune presenti nel database dei lemmi. E dopo un passato così puritano, guarda tu che fine ha fatto la mela.

Ti potrebbe interessare
Trapelati i prezzi di iPad 3 ?
iPhone

Trapelati i prezzi di iPad 3 ?

Secondo alcune indiscrezioni trapelate in un forum cinese l’iPad 3 potrebbe avere un prezzo superiore di 70 € rispetto all’analoga versione di iPad 3

iPad 2 potrebbe usare i display Super PLS di Samsung
iPad

iPad 2 potrebbe usare i display Super PLS di Samsung

Secondo il Korea Herald, Apple potrebbe adottare per il prossimo iPad 2 un display basato sulla nuova tecnologia Super PLS di Samsung, superiore sotto molti aspetti alla tecnologia IPS utilizzata nell’attuale iPad.La tecnologia Super PLS utilizza una diversa forma dei pixel per mostrare immagini più luminose e con maggior contrasto, inoltre anche l’angolo di visione

Foto spia dell’iPhone 4G: fake!
iPhone

Foto spia dell’iPhone 4G: fake!

Dagli stessi autori delle sedicenti foto spia del prossimo iPhone 4G arriva la conferma: si tratta di un fake. Già ieri era noto che le fotografie fossero state salvate in Photoshop CS4 prima di essere pubblicate e molti dei nostri utenti, nei commenti, avevano individuato non pochi elementi dissonanti.Il mockup (ora possiamo definirlo tale) è

Una botnet esperimento per iPhone e Android
Applicazioni iPhone iPhone Tutorial

Una botnet esperimento per iPhone e Android

Due ricercatori del Digital Vaccine Group, laboratorio di esperimenti dell’azienda di sicurezza informatica TippingPoint, sono riusciti letteralmente a riunire, a loro insaputa, all’incirca 8000 utilizzatori di iPhone e smartphone Android in una botnet mobile sperimentale per dimostrare la facilità della diffusione di malware attraverso questi dispositivi.Derek Brown e Daniel Tijerina, sono questi i nomi dei

Microsoft assume Jerry Seinfeld nella sua campagna anti-Apple
iPhone

Microsoft assume Jerry Seinfeld nella sua campagna anti-Apple

Microsoft ha assunto Jerry Seinfeld come suo testimonial nella campagna pubblicitaria che dovrebbe rialzare l’immagine della società di Redmond. L’attore di Brooklyn, diventato famoso per la sit-com che porta il suo nome, ha ricevuto un generoso ingaggio di 10 milioni di Dollari.Dalle cifre in ballo (300 milioni di Dollari per la realizzazione dell’intera campagna) si

Apple a chi si “libera” del DRM: Cease and Desist!
iPod iTunes Store

Apple a chi si “libera” del DRM: Cease and Desist!

A poche ore dal rilascio di DoubleTwist, nuovo software del famigerato DVD-Jon per “liberare” dal DRM i brani acquistati su iTunes, si rinforza la reazione di Apple contro chi diffonde e propone soluzioni per aggirare o superare i controlli di fruizione dei file protetti con Fairplay.A ricevere un avviso di Cease and Desist dall’ufficio legale

12 settembre: It’s Show Time
iPhone

12 settembre: It’s Show Time

iLounge conferma l’evento Apple fissato per il 12 settembre, e pubblica uno screenshot dell’invito. Il titolo scelto per l’evento è “It’s Show Time”, e mostra una Mela sotto i riflettori. A questo punto non è necessario essere campioni di enigmistica per pensare, almeno, al lancio dei download cinematografici su iTunes. A meno di sorprese o