iRadio, niente accordo perché Apple paga troppo poco

La radio in streaming su iTunes è ancora lungi dal venire. Apple, infatti, avrebbe formulato un’offerta troppo risicata alle Major.

Sapevamo già che le trattative tra Apple e le Major si erano arenate per motivazioni prettamente economiche. Quel che ci sfuggiva, però, è che Cupertino intenderebbe offrire esattamente la metà delle royalties pagate da Pandora per un servizio analogo. Praticamente, fantascienza.

Credevamo ingenuamente che la mela chiedesse maggiore flessibilità di quanto concesso ai suoi competitor, così da lanciare un prodotto totalmente nuovo e deliziare gli utenti; e invece il problema è decisamente meno sofisticato. Stando allo scoop pubblicato dal New York Post, infatti, l’intesa non arriva perché la proposta è ritenuta tutt’altro che congrua:

Il titano del tech, la società di maggior valore al mondo, ha fatto un’offerta iniziale alle etichette di circa 6 centesimi per ogni 100 canzoni inviate in streaming, hanno affermato le fonti.
Ciò corrisponde grossomodo a metà dei 12 centesimi ogni 100 canzoni pagati da Pandora, il principale servizio di radio online che Apple vorrebbe fronteggiare […]. Per metro di paragone, le radio tradizionali che trasmettono anche sul Web pagano circa 22 centesimi ogni 100 canzoni inviate in streaming. Spotify, che invece propone un servizio in abbonamento, è quello che paga più di tutti: 35 centesimi ogni 100 canzoni.

L’idea iniziale era di lanciare “iRadio” in contemporanea all’iPhone 5 e in bundle con iTunes Match, ma visti i prodromi non sorprende che sia saltato tutto. Anche Pandora sta cercando di ottenere un abbassamento generali dei costi (anche perché, stando così le cose, riesce a malapena a stare a galla), ma la strada appare tutta in salita.

Pandora gode di una licenza onnicomprensiva che le evita la seccatura di dover stringere singolarmente accordi con tutte le etichette, ma la contropartita è grossa. Alcuni contenuti sono inaccessibili, ad esempio, e gli utenti non possono richiedere specifiche canzoni, riavvolgere un brano o saltarne più di una manciata ogni ora. Apple invece vorrebbe pagare sensibilmente meno ed eludere tutte queste limitazioni. Non sorprende quindi che la cosa vada tanto per lunghe.

Ti potrebbe interessare
Una botnet esperimento per iPhone e Android
Applicazioni iPhone iPhone Tutorial

Una botnet esperimento per iPhone e Android

Due ricercatori del Digital Vaccine Group, laboratorio di esperimenti dell’azienda di sicurezza informatica TippingPoint, sono riusciti letteralmente a riunire, a loro insaputa, all’incirca 8000 utilizzatori di iPhone e smartphone Android in una botnet mobile sperimentale per dimostrare la facilità della diffusione di malware attraverso questi dispositivi.Derek Brown e Daniel Tijerina, sono questi i nomi dei

Shades migliora il controllo della luminosità del monitor
iMac Mac Software Apple

Shades migliora il controllo della luminosità del monitor

I proprietari di qualsiasi laptop Apple possono ridurre la luminosità del monitor fino a spegnerlo completamente, ma chi possiede un iMac scopre ben presto che il setting più “scuro” in realtà è abbastanza forte da infastidire gli occhi sensibili.Shades è un software che si aggiunge alle Preferenze di Sistema del Mac e permette di gestire

Da Mercedes il primo kit auto per iPhone
iPhone 3G

Da Mercedes il primo kit auto per iPhone

Mercedes Benz, che già fu in prima fila nell’integrazione di iPod sulle proprie automobili, fa un ulteriore passo avanti e propone il primo kit di integrazione con iPhone e iPhone 3G. Il sistema, costituito da un cradle dedicato allo smartphone di Cupertino da sistemare nel cassetto portaoggetti della vettura, garantisce il controllo totale di iPhone

jBidWatcher: un’applicazione per gestire le aste su eBay
Software Apple

jBidWatcher: un’applicazione per gestire le aste su eBay

jBidWatcher è un’applicazione basta su Java che non può mancare sul Mac dei grandi utilizzatori di eBay: questa applicazione, completamente gratutita, permette di fare offerte, monitorare le azioni di nostro interesse delle quali non abbiamo fatto ancora un’offerta, fare l’offerta “all’ultimo secondo” anche su più aste contemporaneamente e, infine, di mantenere una sorta di “cronolgia”