Apple apre sull’Employee Purchase Program

Apple ha eliminato le restrizioni sull’acquisto del suo Employee Purchase Program, che dà sconti ai suoi impiegati, a quelli delle aziende consorziate e ai loro familiari.

L’Employee Purchase Program è un’opportunità che Apple offre alle grandi aziende di comprare a prezzo scontato diversi dispositivi in vendita sull’Apple Store online. Attivo da vari anni, l’Employee Purchase Program (EPP) dà accesso alla maggior parte del catalogo Apple, tranne i prodotti ricondizionati e gli iPhone, anche se questi ultimi dovrebbero venire inclusi prossimamente. Finora, l’acquisto massimo era di 3 prodotti per anno e per persona, ma questo limite è stato modificato da Apple a favore degli utenti.

Questa limitazione nel numero di acquisti è stata rimossa e sostituita con una “quantità ragionevole”, un termine abbastanza generico per essere interpretato generosamente. Le restrizioni sull’acquisto erano finora dovute essenzialmente dovute alle proteste dei gestori degli Apple Store, che temevano di perdere così parte della loro preziosa clientela Business.

L’EPP di Apple dà accesso a sconti che vanno dal 5% al 17%, da quanto commentato dagli utenti. Riguarda gli impiegati delle aziende consorziate e i loro familiari. Inclusi nell’EPP vi sono anche i dipendenti e gli ex-dipendenti di Apple stessa.

Via | MacBidouille
Foto | Yagan Kiely

Ti potrebbe interessare
Cinema Display 20″ fuori listino: presto un nuovo modello?
Accessori Apple

Cinema Display 20″ fuori listino: presto un nuovo modello?

Apple ha eliminato da suo catalogo il modello entry level della gamma di Cinema Display, la versione 20″. Il prodotto è stato rimosso da Apple Store ed è stato notificato ai rivenditori che sarà impossibile piazzare nuovi ordini.Non è chiaro se, dopo l’introduzione della versione 24″ DisplayPort, il modello da 20″ verrà semplicemente abbandonato (come

Apple ruba Miss Xbox per i servizi Broadband?
iPhone

Apple ruba Miss Xbox per i servizi Broadband?

Anche Apple Insider conferma le indiscrezioni che vedono la Mela indaffarata nella creazione di una nuova piattaforma per contenuti digitali. La notizia sarebbe avvalorata dalla recente assunzione di Julia Miller a Cupertino. Precedentemente Miller lavorava per Microsoft, dove era responsabile del programma Xbox Live, il sistema di gaming online dedicato alla fortunata piattaforma di gioco.