L’Antitrust italiano multa Apple per 200 mila euro

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato punisce Apple per non rispettare la sentenza del 2011 che condannava l’azienda di Cupertino per pratiche commerciali scorrette. Piove su Apple ora una maxi-multa da 200 mila euro.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato boccia nuovamente Apple, infliggendole una multa di ben 200 mila euro per non rispettare le direttive del Codice del Consumo. La maxi-multa arriva perché Cupertino non ha modificato le condizioni di vendita dell’AppleCare, malgrado gli avvertimenti e le sanzioni dell’Antitrust.

Apple aveva ritirato i pacchetti AppleCare dalla vendita nei negozi italiani ad inizio novembre 2012. Però questa mossa, seppure si adegui alle richieste dell’Antitrust, è arrivata troppo tardi. La nuova sanzione da 200 mila euro per Apple arriva proprio perché fra il 28 marzo e il 10 novembre 2012 Cupertino aveva temporeggiato, non attuando la sentenza del giudizio del 2011 che condannava Apple a ritirare i pacchetti AppleCare dalla vendita in Italia.

Il 27 dicembre 2011 l’Autorità garante della concorrenza e del mercato aveva infatti multato Apple per pratiche commerciali scorrette infliggendo una sanzione da 900 mila euro, dopo che varie associazioni dei consumatori avevano denunciato Apple poiché incentivava i clienti a sottoscrivere l’AppleCare, anche se per legge la garanzia dei prodotti venduti in Europa è di 2 anni.

Ti potrebbe interessare
Video dell’unboxing dell’iPhone 4 bianco
iPhone

Video dell’unboxing dell’iPhone 4 bianco

Su YouTube è comparso il video dello spacchettamento del nuovo iPhone 4 in versione bianca. Da un punto di vista hardware il dispositivo è uguale a quello nero. Il video tuttavia offre un’occasione in più per saggiare il design nella colorazione tanto attesa.In rete sono state espresse alcune perplessità in merito all’attendibilità del video (prevalentemente

Mozilla vuole studiare gli utenti Firefox
iPhone

Mozilla vuole studiare gli utenti Firefox

Mozilla Labs, la branca dedita alla ricerca di Mozilla Corporation, vuole conoscere meglio le abitudini dei propri utenti: chiederà all’1% dei fruitori di Firefox di acconsentire alla registrazione anonima dell’uso che fanno del browser e del Web.L’idea che anima il progetto – al momento ancora allo stadio di pianificazione – sembra buona e intende rispondere