Safari 3 propone il reset “controllato”

Capita spesso per motivi prestazionali e non solo, di voler cancellare la cache o la cronologia del nostro Browser. La versione 2 di Safari obbligava ad un reset totale che ci faceva perdere anche tutte le sessioni e le password salvate, oltre a svuotare icone dei fav e cache. Operazione abbastanza scomoda quando poi siamo

Capita spesso per motivi prestazionali e non solo, di voler cancellare la cache o la cronologia del nostro Browser. La versione 2 di Safari obbligava ad un reset totale che ci faceva perdere anche tutte le sessioni e le password salvate, oltre a svuotare icone dei fav e cache. Operazione abbastanza scomoda quando poi siamo obbligati a rifare il login in tutti i servizi web che usiamo al giorno d’oggi (Mela|blog compresa).

Forse non l’avete notato, ma nella versione beta di Safari 3, quella che fra qualche giorno uscirà all’interno di Leopard, c’è la possibilità di scegliere cosa cancellare in dettaglio: solo la cache, solo le password salvate etc etc.

Oltre a tutti gli altri passi avanti fatti dal browser e descritti dall’interessante articolo di Marcello “Safari 3×2” di qualche settimana fa, ritengo che anche questi piccoli accorgimenti diano il polso di un software in continua evoluzione dove, anche i dettagli, hanno importanza.

Ti potrebbe interessare
Apple aggiorna Mobile Me
Software Apple

Apple aggiorna Mobile Me

Di tanto in tanto, così come è già accaduto di recente, Apple apporta piccole ma gradite novità a Mobile Me, la raccolta di servizi online con la mela sopra. Questa volta i cambiamenti concernono in particolare la cartella Pubblica di iDisk e il servizio Find my iPhone, che ora è in bella evidenza nella barra

Apple TV: vendite al di sotto delle attese?
iPhone

Apple TV: vendite al di sotto delle attese?

Apple TV, il multimedia center secondo Cupertino, è un prodotto che non ci ha mai convinto del tutto. Il design è certo azzeccato, forse anche le potenzialità ed il prezzo, ma la mancanza di servizi integrati (come iTunes Store) fuori dagli USA e le limitazioni sui formati compatibili ci sono sembrati, fin da subito, punti

Contrordine, compagni!
iPhone

Contrordine, compagni!

Un vecchio detto diceva: “anche i migliori sbagliano“. E noi, che certo non siamo i migliori, non sfuggiamo di sicuro a questa regola.La notizia che voleva iPhone in commercio entro la fine di luglio si è rivelata priva di fondamento, ma sufficientemente ben redatta da far credere il contrario. Merito dei ragazzi di iPodmania, che

LibriVox: gli audiolibri diventano “open source”…
iPhone

LibriVox: gli audiolibri diventano “open source”…

Una delle risorse più interessanti di iTMS per il nostro iPod sono gli audiolibri, ma i prezzi non sono sempre bassi (la versione integrale di “The Da Vinci Code”, ad esempio, costa 32,95€). I nostri cuginetti di Downloadblog hanno scoperto che qualcuno ha voluto risolvere il problema dei costi, creando audiolibri che potremmo definire “open