USA, iPhone 5 disponibile per i pre-ordini

Il carrier statunitense Verizon ha già dato il via ai pre-ordini per iPhone 5. Apple, AT&T e Sprint dovrebbero unirsi a breve.

Parliamo di

Con una solerzia che ha dell’eccezionale (“il rollout di prodotto più veloce della storia”), i pre-ordini per l’iPhone 5 sono già stati aperti, con consegna nei prossimi giorni. Solo negli Stati Uniti, tuttavia, e nei negozi dei carrier partner.

Per il momento, a portarsi avanti col lavoro c’è soltanto Verizon, ma gli altri dovrebbero seguire a ruota in tempi record:

Verizon (Apple, AT&T e Sprint si uniranno a momenti) ora accetta i pre-ordini per l’iPhone 5. I clienti USA potranno ordinarlo presso Verizon, AT&T o Sprint. I prezzi varieranno a seconda della possibilità o meno di effettuare un aggiornamento del telefono. I prezzi standard con due anni di contratto sono 99 (16GB), 99 (32GB) e infine 99 (64GB). L’iPhone 5 sarà disponibile nelle colorazioni bianco e nero.

La consegna dei pre-ordini è prevista in ogni caso per il 21 settembre prossimo, ovvero nel giorno ufficiale della commercializzazione del nuovo iPhone. L’escamotage, tuttavia, potrebbe rivelarsi eccellente per evitare file chilometriche e attese eterne.

Ti potrebbe interessare
10.6.3 Pre-Release. Qualcuno l’ha scaricato per sbaglio
iPhone

10.6.3 Pre-Release. Qualcuno l’ha scaricato per sbaglio

Come è possibile che quanto è accaduto sia effettivamente accaduto, è ancora tutto da dimostrare. Fatto sta che su Tuaw si legge una notizia piuttosto incredibile: un comune utente avrebbe scaricato e installato la versione Pre-Rilascio di Mac OS X 10.6.3 sul proprio iMac. Update in arrivo nei prossimi giorni?Quando, l’altra sera, quel lettore ha

BBC iPlayer sarà compatibile con i Mac
Safari

BBC iPlayer sarà compatibile con i Mac

Vi ricordate il caso del servizio di streaming della BBC iPlayer? La tv inglese, prima di lanciarlo, aveva sottoposto a tutti i cittadini un questionario, per capire anche se ci fosse l’esigenza di investire in una piattaforma accessibile da sistemi operativi diversi da Windows. L’avevamo presentato come un caso di eccellenza anche se, per la