Usare l’iPod shuffle senza iTunes

Vi ho già parlato in passato di come usare l’iPod shuffle su Linux, ma quella soluzione era un po’ macchinosa.Oggi invece, passando per caso da macosxhints ho scoperto un altro script che permette di usare l’iPod shuffle (mi raccomando, non funziona con nessu altro modello, non chiedete nemmeno) non solo senza iTunes e su qualsiasi

Vi ho già parlato in passato di come usare l’iPod shuffle su Linux, ma quella soluzione era un po’ macchinosa.

Oggi invece, passando per caso da macosxhints ho scoperto un altro script che permette di usare l’iPod shuffle (mi raccomando, non funziona con nessu altro modello, non chiedete nemmeno) non solo senza iTunes e su qualsiasi piattaforma su cui giri Python (esiste una anche versione specifica per Windows) ma anche in maniera più flessibile.

Il tutto funziona copiando nell’iPod montato come disco le canzoni che volete e poi eseguendo lo script che rigenera i file di cui lo shuffle ha bisogno per funzionare e farvi sentire le canzoni.

Inoltre, lo script ordina i brani secondo la directory in cui si trovano e alfabeticamente all’interno della stessa directory, quindi se avete i file che iniziano con il numero della traccia li avrete già nell’ordine corretto.

I file musicali potete metterli come e dove vi pare dentro l’iPod, non serve che siano dentro la directory iPod_Control usata da iTunes e se non sono lì iTunes non li cancellerà come fa di solito se non riconosce i file.

Davvero un’ottima utility.

Ti potrebbe interessare
Net Applications: Mac al 7,94% del mercato
iPhone

Net Applications: Mac al 7,94% del mercato

Della periodica classifica di Net Applications sulle quote di mercato dei sistemi operativi ci siamo occupati più volte in passato, osservando con piacere la costante crescita della nostra piattaforma sulla scena mondiale. La classifica si basa sul monitoraggio degli accessi ai principali siti internet mondiali, registrando lo user agent degli utenti. La classifica del giugno