iTunes Store: 22 canzoni la media per ogni iPod

Sul N.Y. Times di questa mattina c’è un interessante articolo che parla del rapporto tra canzoni acquistate in media da ogni singolo utente e il proprio iPod: il numero dei famosissimi apparecchi per la riproduzione di file musicali (e anche video) ha raggiunto la cifra di 67.4 Milioni (aggiornata a Settembre 2006) di unità vendute,

Sul N.Y. Times di questa mattina c’è un interessante articolo che parla del rapporto tra canzoni acquistate in media da ogni singolo utente e il proprio iPod: il numero dei famosissimi apparecchi per la riproduzione di file musicali (e anche video) ha raggiunto la cifra di 67.4 Milioni (aggiornata a Settembre 2006) di unità vendute, mentre quella delle songs acquistate direttamente da iTunes Store è di quasi 1.5 Miliardi, evidenziando un rapporto di 22 a 1 tra apparecchio per la riproduzione e file riprodotto.

L’incipit dell’articolo chiosa che iPod e canzoni acquistabili da iTunes Store avrebbero dovuto rappresentare le due facce della medesima medaglia: vendita del lettore Mp3 e dei contenuti “da inserire”, connubio auspicabile da ogni produttore per poter mantenere l’acquirente.


La cosa che non condivido assolutamente è l’affermazione di Josh Bernoff, colui che ha effettuato questa “inchiesta”, poiché dice: “People buy a certain number of songs, and then they stop”. Panzane! Mi verrebbe da rispondere.
Noi fruitori di musica, non stiamo fermi: rimanendo nell’ambito della sola legalità, esistono differenti modi con i quali ottenere canzoni da mettere nei nostri amati iPod (estrarre le canzoni direttamente dai CD rimane il più immediato, a mio parere).

Riaffiora così la solita questione, mai risolta, sul rapporto prezzi e contenuti multimediali, musicali o video che siano,venduti da iTunes Store. Un abbassamento dei prezzi causerebbe un’ondata di nuovi acquirenti e sarebbe ciò che di meglio potrebbero auspicare entrambe le parti in causa (Apple e le “avide” major discografiche/cinematografiche), data l’ormai diffuso utilizzo di programmi peer-to-peer. A questo potrebbero essere aggiunte iniziative ad hoc più frequenti, come quelle di scontare album un po’ vecchiotti e strategie simili.

Senza essere degli analisti, si può facilmente intuire che il peer-to-peer la farà da padrone ancora per moltissimi anni, ma se Apple tentasse di avvicinarsi agli utilizzatori di iTunes Store stuzzicherebbe l’appetito musicale di possibili acquirenti, attraverso prezzi invitanti se rapportati alla grande scelta che iTunes Store può offrire.

E vero che “free” non è a priori meglio di qualcosa a pagamento, ma se proprio si deve pagare, spendere il meno possibile è la strada che più mi soddisfa…

Ti potrebbe interessare
Progetto Titan, Apple tira il freno a mano a iCar
iPhone

Progetto Titan, Apple tira il freno a mano a iCar

In seguito alle dimissioni di Steve Zadesky, il Progetto Titan per costruire Apple Car è stato momentaneamente messo in standby. Il management non sarebbe contento dei risultati conseguiti finora, e il futuro dell’auto elettrica con la mela si fa d’improvviso più in certo.

Airlock blocca il Mac se l’iPhone o l’iPod Touch si allontanano
iPod touch

Airlock blocca il Mac se l’iPhone o l’iPod Touch si allontanano

Airlock è un software che permette di bloccare il Mac ogni volta che l’iPhone o l’iPod Touch dell’utente si allontanano. La presenza di iPhone/iPod Touch viene determinata grazie al Bluetooth e il blocco e lo sblocco sono automatici ogni volta che si perde o ristabilisce la connessione tra i terminali.Nel caso sfortunato in cui l’iPhone

Hymn sblocca il Drm in iTunes 7
iPhone

Hymn sblocca il Drm in iTunes 7

A solo un giorno dal lancio di iTunes 7, l’Hymn Project ha trovato un sistema per rompere il DRM dei brani musicali acquistati su iTunes Store. Per farlo è bastata una piccola modifica al sistema usato già per la protezione di iTunes 6.Hymn (Hear Your Music aNiwhere) Project nasce formalmente per consentire agli utenti di

Apple ha acquisito FingerWorks?
iPhone

Apple ha acquisito FingerWorks?

In queste ultime settimane abbiamo parlato di tanti brevetti realizzati da Apple per i touchscreen. Certo, in parte potrebbero essere applicati all’ormai fantomatico iPod AV, ma molto lascia pensare a qualcosa di più complesso. Forse un vero e proprio tablet (anche se Jobs ha dimostrato dubbi su questo tipo di prodotto, ma diceva la stessa