Parte il servizio di video a pagamento di Amazon

Amazon, il popolare sito di vendita online, ha fatto partire il suo nuovo servizio di download legale di video e film a pagamento. Amazon Unbox Video, questo il nome, toglie dalla graticola uno dei rumors più costanti degli ultimi tempi, ovvero la collaborazione della società di Bezos e Apple per la vendita di film online.


Amazon, il popolare sito di vendita online, ha fatto partire il suo nuovo servizio di download legale di video e film a pagamento. Amazon Unbox Video, questo il nome, toglie dalla graticola uno dei rumors più costanti degli ultimi tempi, ovvero la collaborazione della società di Bezos e Apple per la vendita di film online.

Per la cronaca, se su Amazon (come su iTunes) gli show televisivi si comprano per 1,99$, il prezzo dei film varia da 7,99$ a 14,99$, con in più un servizio di “noleggio” a 3,99$.

Prezzi non certo popolari, allineati al costo dei supporti fisici. Se, come pare, sono prezzi imposti dalle major, non ci siamo proprio.
Sarà difficile immaginare un futuro per questo tipo di servizio, diversamente dal download musicale che punta proprio sul prezzo concorrenziale del singolo brano.

Ti potrebbe interessare
Apple denuncia Samsung per l’aspetto di alcuni prodotti
iPhone

Apple denuncia Samsung per l’aspetto di alcuni prodotti

Il Wall Street Journal ha dichiarato che Apple avrebbe avviato l’iter burocratico per denunciare Samsung relativamente all’aspetto di alcuni suoi prodotti. I documenti originali sono stati inviati alla corte lo scorso 15 aprile al Northern District of California, dichiarando che molti prodotti violerebbero i diritti di proprietà intellettuale di Apple. I prodotti incriminati sono: Nexus

Apple: il 20 aprile la Conference Call con i risultati fiscali del Q2 2011
iPad 2

Apple: il 20 aprile la Conference Call con i risultati fiscali del Q2 2011

Domani, 31 marzo, terminerà il secondo trimestre del ciclo fiscale Apple. La società ha già fissato per il prossimo 20 aprile la data della consueta Conference Call nella quale saranno presentati i risultati fiscali di quest’inizio anno. Il trimestre fiscale precedente aveva segnato un fatturato record per Apple con 26,74 miliardi di Dollari, 7,33 milioni

La fine di Xserve non è la fine dei server Apple
macOS

La fine di Xserve non è la fine dei server Apple

La scorsa settimana, Apple annunciava la chiusura della gamma Xserve per il 31 gennaio 2011, sia dal punto di vista della produzione che della vendita. Una delusione per gli utenti del ramo “professionale” di Apple, che avevano investito in un prodotto dal design elegante e facile nell’uso, in combinazione con Mac OS X Server. Jason

Apple espande i Genius Bar
iPhone

Apple espande i Genius Bar

Apple sta puntando molto sul supporto agli utenti in questo ultimo periodo. Dopo aver attivato il supporto utente via iChat per MobileMe ed avere assunto ben 450 dipendenti come “Home Genius“, migliorerà anche il supporto offerto tramite i tradizionali Genius Bar presenti negli Apple Store. Circa un centinaio di Apple Store verranno infatti rivoluzionati in

Indizi del nuovo iPhone?
iPod touch

Indizi del nuovo iPhone?

Ancora prima dell’effettivo lancio di iPhone sul mercato, avvenuto quasi un anno fa, circolavano indiscrezioni riguardanti il suo successore, la cui caratteristica principale sarebbe l’adozione della tecnologia UMTS, in luogo dell’attuale EDGE. Tanti sono stati i rumors, quanto nessun indizio è mai arrivato da Apple… fino ad ora. Tra pagine illustrative riservate agli sviluppatori che

zitti zitti… smontiamo anche lo shuffle
iPhone

zitti zitti… smontiamo anche lo shuffle

Devo ammettere che questa fissa di smontare i prodotti Apple non l’ho ancora capita, cioè, capisco la voglia di conoscenza, di fare e di disfare, ma anche lo shuffle?! piccolo e tenero… hackaday.com ha un interessante articolo che spiega come smontare il piccolino di casa Apple senza essere invasivi. Cnet.com ne spiega anche il funzionamento