Cinque generazioni di iPhone in un grafico

Sono passati cinque anni dal 29 giugno del 2007 quando negli Stati Uniti venne avviata la commercializzazione del primo iPhone, quello senza copia e incolla, senza MMS e senza rete 3G, ma nonostante l’età e le limitazioni il due per cento degli americani che possiedono uno smartphone della Mela utilizzano proprio un iPhone di prima

Sono passati cinque anni dal 29 giugno del 2007 quando negli Stati Uniti venne avviata la commercializzazione del primo iPhone, quello senza copia e incolla, senza MMS e senza rete 3G, ma nonostante l’età e le limitazioni il due per cento degli americani che possiedono uno smartphone della Mela utilizzano proprio un iPhone di prima generazione.

Il grafico qui sopra realizzato da ComScore mostra chiaramente la distribuzione di utilizzo delle cinque versioni di iPhone, con iPhone 4 ed iPhone 4S che si spartiscono circa tre quarti dei 35.1 milioni di esemplari in circolazione negli Stati Uniti.

Ma forse il dato più sorprendente è quello dell’intramontabile iPhone 3Gs, tutt’ora in commercio ad oltre tre anni dal lancio avvenuto il 19 giugno del 2009, che ha mantenuto praticamente invariata la propria quota di utilizzo anche dopo il lancio delle nuove generazioni di iPhone.

L’iPhone 3Gs rimarrà probabilmente in vendita anche dopo il debutto dell’iPhone 5 dato che sarà aggiornabile ad iOS 6. Un raro esempio di longevità nel frenetico mondo degli smartphone.

Ti potrebbe interessare
Lenovo: Apple perde terreno in Cina
iPhone

Lenovo: Apple perde terreno in Cina

Secondo Liu Chuanzhi, la “mente” di Lenovo (azienda leader nel settore dei PC), Apple sta perdendo grandi opportunità sul mercato Cinese. Chuanzhi, parlando con il Financial Times delle mosse di Apple, ha dichiarato:Siamo fortunati che Steve Jobs abbia un così brutto carattere e non sia interessato alla Cina. Se Apple impiegasse gli stessi sforzi per

iTunes Store: calo di vendite per i brani a prezzo maggiorato
iTunes Store

iTunes Store: calo di vendite per i brani a prezzo maggiorato

Il 7 Aprile scorso Apple ha introdotto due nuove fasce di prezzo -0,69€ e 1,29€- per l’acquisto delle canzoni sull’iTunes Store che hanno affiancato il precedente prezzo unico di 0,99€. La nuova politica è stata fortemente voluta dalle maggiori case discografiche che hanno accettato di liberare i propri brani dalle limitazioni DRM solo con l’introduzione