iPhone 12, Apple teme lo scarso successo di vendite

Apple sta ragionando sulla possibilità di rimandare il lancio di iPhone 12 "di molti mesi." Una decisione sofferta, strettamente collegata con la pandemia di Coronavirus.


Aggiornamento del 2 aprile 2020

Ci sono grosse possibilità che iPhone 12 veda le luci della ribalta molto oltre la consueta parentesi settembrina. Il problema a questo punto non sono neppure più le catene di montaggio, ma l'incertezza creata dall'epidemia di Coronavirus. In altre parole: seppure arrivasse, chi comprerebbe il nuovo smartphone con 3D e 5G in questa situazione?

iPhone 12 Rimandato?

La produzione è rientrata oramai nella norma; la stretta su spostamenti e isolamenti si è allentata, e le fabbriche riescono a reperire tutta la manodopera di cui hanno bisogno. In linea puramente teorica, insomma, i nuovi modelli di iPhone col 5G potrebbero essere consegnati con le tempistiche e nelle quantità richieste.

Il fatto è che, per arrivare con milioni di dispositivi pronti a dicembre, è necessario piazzare adesso gli ordini sulla componentistica. Ma come si fa a prevedere i volumi necessari se non si può prevedere la domanda a dicembre? In piena epidemia da Coronavirus, le strategie che Apple aveva adottato per fare proiezioni semplicemente non funzionano più.

iPhone 12: il Problema è la domanda

Il rallentamento dell'economia globale causato dal Coronavirus rischia di creare un ambiente poco favorevole all'acquisto. Le spiega il quotidiano giapponese Nikkei:

"Al di là delle ristrettezze nella catena delle forniture, Apple è preoccupata che l'attuale congiuntura possa ridurre significativamente l'appetito dei consumatori nell'aggiornare i propri telefoni, il che a sua volta potrebbe portare ad uno scarso successo del primo iPhone col 5G. [...] Hanno bisogno che il primo iPhone col 5G sia un successone."

Per ora, dunque, vige il chivalà. Apple sta monitorando attentamente la situazione in Europa e Stati Uniti, e si è imposta di attendere ancora un po'; entro maggio, tuttavia, dovrà prendere una decisione formale: oltre, non ci sarebbero i tempi tecnici per arrivare preparati ad un eventuale lancio di settembre, soprattutto ora che tutti i dipendenti della mela lavorano da casa.

Per il momento, dunque, regna l'incertezza. I produttori hanno ricevuto l'ordine di mettere in standby la produzione fino a 2 o 3 mesi rispetto a quanto inizialmente concordato. "Un cambiamento fatto in tempi recentissimi" spiega un fornitore partner. "E questo potrebbe implicare che anche la produzione di massa di iPhone potrebbe essere rimandata di mesi."

E chissà, magari il lancio di iPhone 9 tra 10 giorni potrebbe consentire ad Apple di sondare il terreno; oppure potrebbe perfino complicare ulteriormente le cose: come regolarsi, infatti, in caso di scarso interesse?

La presentazione di iPhone 12 in autunno non è ancora "completamente fuori discussione;" ma fino a quando non si vedranno cenni di miglioramento sul fronte dell'emergenza sanitaria, è difficile pensare ad un lancio di prodotto come niente fosse.

  • shares
  • Mail