iPhone 12, il concept dà spettacolo (con e senza Notch)

L'anno prossimo, iPhone potrebbe fare un salto in avanti e introdurre una Notch molto meno invadente. L'antenna dedicata al 5G, tuttavia, diventerà più ampia.


Aggiornamento del 21 novembre 2019

Apple è in quella fase dell'anno. Ha messo a punto diversi prototipi di iPhone 12 e ora deve decidere quale di essi si trasformerà nel modello definitivo da commercializzare l'anno prossimo. Il candidato c'è già, ma pare che -a causa del 5G- sia più costoso e spesso del predecessore. E così, per ingannare l'attesa fino all'anno prossimo, vi mostriamo lo spettacolare concept che vedete qui in cima al post.

Si tratta di uno smartphone con un design ibrido tra iPhone e iPad Pro creato da Ben Geskin. Ne ha immaginate due versioni: una con e l'altra senza Notch, ma non lasciatevi trasportare troppo dall'immaginazione. Con ogni probabilità, la Notch ce la ritroviamo pure l'anno prossimo (al massimo, sarà più piccola).

Feature di iPhone 12



È da un po' che se ne parla, e l'ipotesi è stata corroborata in tempi recenti perfino dall'affidabile Ming-Chi Kuo. A Cupertino, Tim Cook e i suoi stanno passando in rassegna tutte le ipotesi di iPhone 12 sul tavolo: alcune sono più sottili ma hanno la Notch più estesa, altre più spesse ma nascondono la Notch nella cornice; uno dei prototipi prevede un'ottica di nuova generazione.


Tutti però hanno la medesima caratteristica in comune, ovvero le antenne più spesse dedicate alla connettività mobile 5G:

I prototipi del 2020 includono linee per l'antenna più spesse (maggiori di 1mm) che serviranno per il 5G.
Invece di linee di plastica, tuttavia, Apple utilizzerà un nuovo materiale (vetro, ceramica o vetro zaffiro).

E questa non è l'unica fregatura. A dire dell'analista, infatti, la scheda logica necessaria per far funzionare il 5G costa il 35% dell'omologa 4G e occupa approssimativamente il 10% di spazio in più. Questo in altre parole significa che il dispositivo finale rischia di avere uno spessore maggiore rispetto ad iPhone 11.

Inoltre, il design ispirato ad iPhone 4 contribuirà ad aumentare i costi di produzione della scocca esterna nell'ordine del 50-60%, c'è il rischio che iPhone 12 costi qualcosina in più rispetto al predecessore.

Addio Lightning


Ma la vera sorpresa è un'altra. Apple sta meditando di rinunciare completamente alla porta di ricarica Lightning per passare armi e bagagli ad una soluzione totalmente wireless. Ciò significa addio ai cavi, e soprattutto ai rumors che parlavano dell'introduzione della USB-C su iPhone.

D'altro canto, UWB -cioè wireless USB- è capace di trasmettere dati a una velocità di 480 Mbps su una distanza di 3 metri, e di 110 Mbps fino a 10 metri; senza contare l'ubiquità del WiFi, e l'economicità dei caricabatterie wireless. Oramai, chi ha bisogno del cavo?

  • shares
  • Mail