iOS 13, arriva la condivisione dati via cavo tra iPhone e iPad

L’ultima Beta di iOS 13 rivoluziona tutto e permette di trasferire dati tra iPhone e iPad direttamente col cavo, a tutta velocità. Ma la feature potrebbe sparire.

Parliamo di

La rivoluzione wireless sembrava definitiva e irreversibile, e invece ecco che la mela spariglia le carte. La più recente Beta di iOS 13 distribuita agli sviluppatori permette infatti di collegare i dispositivi Apple tra loro col cavo per trasferire dati più velocemente, ed effettuare travasi di backup.

iOS 13, arriva la Correzione Attenzione durante le chiamate FaceTime

Fino ad oggi, gli utenti avevano a disposizione due modi ufficiali per passare i dati da un vecchio iPhone ad un nuovo: scaricandone il backup da iCloud oppure attraverso un computer con iTunes. Una gran rottura di scatole, se chiedete a noi, perché richiede sempre due variabili che non sempre è possibile trovare: un computer sicuro, e una connessione ad Internet decente.

E a poco serve la funzionalità di ripristino Automatico di iOS 12 che, in teoria, permetterebbe di copiare le impostazioni di un iPhone su un alto senza cavi, semplicemente accostando i due dispositivi; sulla carta sembra una bella trovata, ma in pratica non serve a nulla: vengono copiati solo le preferenze del telefono, ma non la musica, le app, i documenti e tutto il resto. E torniamo al dunque: per avere una copia 1:1 di un iPhone, servono comunque Internet e/o iTunes.

Con iOS 13, tuttavia, sembra che l’impasse potrebbe essere superato: una speciale modalità consentirà infatti di collegare due gingilli iOS con un cavo a doppia Lightning (o forse arriverà USB-C su iPhone 11?)q; e una volta instaurata la connessione fisica, compare il seguente messaggio di avviso:

“Tieni l’altro iPhone sempre connesso a questo iPhone e alimentalo finché il trasferimento non è stato completato.”

Il che presuppone che occorra utilizzare dei tappetini di ricarica wireless, oppure che i due dispositivi siano carichi al 100%, ma in questo caso si corre dei rischi se la procedura si protrae troppo nel tempo. C’è da considerare inoltre che questa funzionalità non è attiva di default né ufficializzata: è stata solo scovata nei meandri del codice di iOS 13, e ciò implica che potrebbe sparire nella versione definitiva. Ma onestamente sarebbe un gran peccato.

Ti potrebbe interessare