E se Steve fosse stanco?

Non tutti sono rimasti soddisfatti del Keynote di Jobs di ieri sera. Non sto parlando della qualità dei prodotti presentati (sul Mac Pro credo sia difficile discutere, e su Leopard abbiamo avuto una innocente preview), ma proprio della capacità del CEO di affascinare, di divertirci con la sua retorica e di costruire quel “campo di

Parliamo di

Non tutti sono rimasti soddisfatti del Keynote di Jobs di ieri sera. Non sto parlando della qualità dei prodotti presentati (sul Mac Pro credo sia difficile discutere, e su Leopard abbiamo avuto una innocente preview), ma proprio della capacità del CEO di affascinare, di divertirci con la sua retorica e di costruire quel “campo di distorsione della realtà” ormai celebre e quasi epico.

Il giudizio non è mio, ma di Leander Kahney di Wired, autore anche di The Cult of Mac e di The Cult of iPod. In questo post discretamente crudele analizza il discorso di Jobs giudicandolo sottotono, e presagendo addirittura un Ceo stanco e sull’orlo del ritiro. Forse in certi punti Leander esagera, forse il keynote di ieri è stato esattamente come tutti gli altri…

Ma sicuramente una sua frase ci mette la pulce nell’orecchio: come farà Apple, un giorno, senza il carisma e la freschezza di Steve?

Ti potrebbe interessare