Addio iTunes, Apple elimina i riferimenti su Facebook e Instagram

Al WWDC 2019 suonerà l’ultima campana per iTunes. L’app verrà smembrata nelle sue funzioni fondamentali, e infine relegata alla storia dell’informatica. I segni di questa rivoluzione si vedono già.

In queste ore, Apple sta facendo un certosino lavoro di epurazione del brand iTunes da tutti i propri canali. Finisce un’epoca, in attesa dello spezzatino dell’app.

WWDC 2019: Segui il Live dalle 19.00

La pagina di iTunes sul sito Apple per il momento regge ancora, ma è abbastanza chiaro che l’app come la conosciamo sarà presto un ricordo del passato. Apple infatti ha già eliminato tutti i contenuti dalle sue pagine social dedicate ad iTunes: vuota la pagina Facebook, i cui post sono stati migrati sulla fanpage di Apple TV (compresi i suoi 30 milioni di like); e vuoto pure il profilo Instagram che ora invita a visitare il profilo dedicato ad Apple TV. Solo la controparte Twitter per il momento resiste, ma è evidente che non durerà molto.

Tutti i link ad itunes.apple.com delle canzoni vengono ora re-indirizzati ad music.apple.com, e sorte analoga è toccata agli altri tipi di contenuti come app, podcast, show televisivi, film e libri che ora puntano rispettivamente verso apps.apple.com, podcasts.apple.com, tv.apple.com, movies.apple.com e books.apple.com.

Insomma, a Cupertino si stanno preparando allo smembramento di iTunes nelle sue componenti principali, vale a dire Musica, Podcast e Libri e TV. Un’app diversa per ognuna delle sue funzionalità, il che significa che diremo finalmente addio alla libreria pachidermica con dentro di tutto e di più, compresi gli aggiornamenti e i backup di iPhone e iPad. Sostanzialmente una bella notizia, ma ci assale un dubbio; non è che poi Apple ci fa lo scherzetto, costringendoci a passare ai piani iCloud a pagamento per effettuare i backup dei dispositivi? Quella sì che sarebbe una fregatura colossale.

macOS 10.15: ecco le app in cui verrà diviso iTunes
Ti potrebbe interessare
Secondo Steve Jobs gli Xserve vendevano troppo poco
iPhone

Secondo Steve Jobs gli Xserve vendevano troppo poco

Perché Apple non produce più gli XServe? A dircelo è Steve Jobs, con una delle sue ormai proverbiali e-mail. La risposta del CEO di Apple è semplice: “Non li comprava quasi nessuno”.Certo “nessuno” per Apple significa semplicemente un numero troppo esiguo di utenti rispetto alle giganti dimensioni dell’azienda. La mail di Jobs è stata pubblicata

iClothing, per indossare l’iPad (e sembrare un canguro geek)
iPad

iClothing, per indossare l’iPad (e sembrare un canguro geek)

Se anche voi, come il vecchio Ned Batchelder, siete convinti che iPad sia scomodo da portare indosso, iClothing sta lì apposta per farvi ricredere. Con abiti appositamente dotati di tasca formato iPad, l’ergonomia del tablet Apple non sarà più un problema per nessuno. A patto che vogliate stravolgere un po’ le vostre abitudini in fatto

Virgin America rimuove i contenuti Flash dal proprio sito
iPod touch

Virgin America rimuove i contenuti Flash dal proprio sito

Il sito di Virgin America, la compagnia aerea statunitense, è ora totalmente privo di contenuti Flash. L’opera di pulizia è stata operata per consentire anche agli utenti che navigano con dispositivi mobili di usufruire dei servizi del sito.A quanto pare, ricerche interne all’azienda avrebbero rilevato che un numero sempre più crescente di utenti si collega

Installation Assistant per Parallels
iPhone

Installation Assistant per Parallels

Parallels DeskTop for Mac, il famoso software che permette alle macchine Apple con processori Intel di caricare e utilizzare come sistema operativo Windows XP (o altri), congiuntamente a Mac OS X, ha aggiunto una interessante caratteristica.Installation Assistant rende molto più veloce l’installazione dell’altro sistema operativo che occorre installare poiché ne automatizza l’installazione: basta che venga