Addio iTunes, Apple elimina i riferimenti su Facebook e Instagram

Al WWDC 2019 suonerà l’ultima campana per iTunes. L’app verrà smembrata nelle sue funzioni fondamentali, e infine relegata alla storia dell’informatica. I segni di questa rivoluzione si vedono già.

In queste ore, Apple sta facendo un certosino lavoro di epurazione del brand iTunes da tutti i propri canali. Finisce un’epoca, in attesa dello spezzatino dell’app.

WWDC 2019: Segui il Live dalle 19.00

La pagina di iTunes sul sito Apple per il momento regge ancora, ma è abbastanza chiaro che l’app come la conosciamo sarà presto un ricordo del passato. Apple infatti ha già eliminato tutti i contenuti dalle sue pagine social dedicate ad iTunes: vuota la pagina Facebook, i cui post sono stati migrati sulla fanpage di Apple TV (compresi i suoi 30 milioni di like); e vuoto pure il profilo Instagram che ora invita a visitare il profilo dedicato ad Apple TV. Solo la controparte Twitter per il momento resiste, ma è evidente che non durerà molto.

Tutti i link ad itunes.apple.com delle canzoni vengono ora re-indirizzati ad music.apple.com, e sorte analoga è toccata agli altri tipi di contenuti come app, podcast, show televisivi, film e libri che ora puntano rispettivamente verso apps.apple.com, podcasts.apple.com, tv.apple.com, movies.apple.com e books.apple.com.

Insomma, a Cupertino si stanno preparando allo smembramento di iTunes nelle sue componenti principali, vale a dire Musica, Podcast e Libri e TV. Un’app diversa per ognuna delle sue funzionalità, il che significa che diremo finalmente addio alla libreria pachidermica con dentro di tutto e di più, compresi gli aggiornamenti e i backup di iPhone e iPad. Sostanzialmente una bella notizia, ma ci assale un dubbio; non è che poi Apple ci fa lo scherzetto, costringendoci a passare ai piani iCloud a pagamento per effettuare i backup dei dispositivi? Quella sì che sarebbe una fregatura colossale.

macOS 10.15: ecco le app in cui verrà diviso iTunes
Ti potrebbe interessare
Mac con processore ARM inevitabili, ma non a breve
iPhone

Mac con processore ARM inevitabili, ma non a breve

La notizia che Bob Mansfield stia guidando un team per adottare i processori ARM sui Mac al posto dei processore x86 di Intel ha riacceso una discussione che ormai tiene banco da più di un anno.Più volte è stato infatti detto che nei laboratori di Cupertino si stiano sperimentando dei MacBook con processore ARM e

Apple annuncia i risultati di vendita del secondo trimestre
iPhone

Apple annuncia i risultati di vendita del secondo trimestre

Apple ha appena annunciato i risultati finanziari del secondo trimestre che riportano un fatturato record di 24,67 miliardi di dollari con un incremento dell’83% rispetto ai risultati ottenuti lo scorso anno nel medesimo trimestre. Le vendite internazionali costituiscono il 59% dell’intero fatturato. Per quanto riguarda i dispositivi venduti Apple ha comunicato i seguenti dati: 3.76

Blobo, una nuova interfaccia di gioco per Mac
Videogiochi

Blobo, una nuova interfaccia di gioco per Mac

Avete mai pensato, giocando a Wii Sports, come sarebbe potuta essere la palla da bowling da lanciare? I finlandesi della Ball-it evidentemente sì. La società start-up scandinava ha infatti prodotto un suo gioco (con relativa interfaccia) per Mac piuttosto innovativo, il cui nome è Blobo.Il gioco si sviluppa su nove diverse discipline sportive ed è

Il generatore automatico di risposte via mail di Steve Jobs
iPhone

Il generatore automatico di risposte via mail di Steve Jobs

Lungi da me cercare di dissacrare minimamente la gloria di chi riesce ad ottenere una risposta dall’oracolo Steve Jobs, soprattutto da quando è diventata anche una prerogativa dei nostri compatrioti riceverne.Resta il fatto che mi sono imbattuto (via Twitter) in un divertentissimo strumento online, che non potevo non condividere con voi. Si tratta – nientemeno

iBand: la protezione definitiva per iPhone?
iPhone 3G iPhone 3GS iPod touch

iBand: la protezione definitiva per iPhone?

Il video che vedete qui sopra spiega la tecnologia (e ce ne è parecchia) dietro quella che sembra una semplice custodia per iPhone in silicone. In realtà non si tratta del tradizionale polimero, ma di una sostanza denominata D3O: un cosiddetto fluido non-newtoniano, che varia la viscosità in funzione della forza applicata. Così se al