Ricaricare un iPad costa 1,36$ di energia l’anno

EPRI ha verificato l’assorbimento elettrico di molti gingilli dell’era Post PC e ha fatto una scoperta entusiasmante: ricaricare un iPad costa 1,36$ in bolletta l’anno.

Parliamo di

Nel tentativo di capire se il passaggio alla cosiddetta “era Post PC” avrebbe portato ad un aumento dei consumi energetici o ad una loro contrazione, un recente studio condotto dalla Electric Power Research Institute (EPRI) ha dimostrato che i dispositivi iOS richiedono pochissime risorse energetiche. Un nuovo iPad completamente scarico, collegato alla rete un giorno sì e uno no, assorbe in media 1,36$ di elettricità l’anno. Un iPad di prima e seconda generazione, poi, ancora meno: rispettivamente 82 e 83 centesimi.

Verdissimo, parsimoniosissimo iOS, verrebbe da dire. In termini di consumi elettrici, ogni gingillo con la mela è incredibilmente parco, e anche se negli USA il costo per l’energia è inferiore rispetto alla situazione italiana, parliamo veramente di qualcosa come un caffè l’anno:

L’analisi mostra che ogni modello di iPad consuma meno di 12 kW ora di elettricità nel corso dell’anno, ricaricandolo completamente un giorno sì e uno no. A mo’ di confronto basti sapere che un televisore al plasma da 42″ consuma 358 kW ore di elettricità l’anno. EPRI ha condotto la propria analisi a Knoxville, Tennessee, presso i propri laboratori. I costi possono variare in base alla regione in cui si risiede e al prezzo della corrente locale. Lo studio di valutazione è stato condotto per determinare le richieste di carico -la quantità di energia necessaria per far funzionare i dispositivi- del sempre più popolare iPad

La risposta alla domanda iniziale, tuttavia, è parziale. Già, perché il problema a questo punto è capire se gli utenti utilizzano tablet e console in affiancamento all’arsenale dei dispositivi elettronici personali (il che si tradurrebbe in un’impennata complessiva di consumi), o in loro sostituzione. Senza contare che, pur consumando pochissimo, l’incredibile diffusione degli iPad inizia ad avere un impatto importante sul pianeta:

L’energia media utilizzata da tutti gli iPad sul mercato ammonta approssimativamente a 590 gigawatt ora (GWh). In uno scenario in cui il numero di iPad si triplicasse nei prossimi due anni, l’energia richiesta sarebbe quasi equivalente a quella generata da due impianti da 250-megawatt (MW) operativi al 50%. Un quadruplicamento delle vendite in due anni richiederebbe l’energia generata da tre impianti da 250-MW.

Comunque meno di tanta altra roba tecnologica. Per esempio, un computer laptop consuma 72.3 kW ora, ovvero circa 8,31$ l’anno, mentre una lampadina a basso consumo da 60W non supera i 14 kW ora, pari a 1,61$ annuali. L’iPhone 4, per dire, arriva a 38 centesimi ma il più frugale dell’intera scuderia è il vecchio iPhone 3G: appena 2.2 kW ora, che si traducono in 25 centesimi l’anno di addebito in bolletta.

Ti potrebbe interessare
iPad mini 2021 o iPad Air? Guida all’acquisto
iPad Air

iPad mini 2021 o iPad Air? Guida all’acquisto

L’ultima generazione di iPad mini somiglia molto all’iPad Air lanciato a settembre 2020, dal display più ampio senza pulsante Home al chip A15 Bionic, dagli altoparlanti stereo al Touch ID integrato nel pulsante di accensione. Ma quale dei due conviene comprare ora? Facciamo i conti della serva. iPad mini 6 Vs. iPad Air 5: Specifiche