iPhone XR: se ne venderanno meno perché è bruttino

Calano drasticamente le previsioni di vendita di iPhone XR. Sulla carta è ottimo, ma quel cornicione nero non piace agli utenti.

Parliamo di

Ming-Chi Kuo, uno degli analisti più ferrati e influenti del mondo Apple, ha tagliato del 20% le stime di consegna degli iPhone XR a causa di una serie di fattori, tra cui quello estetico.

Confronto iPhone XS – iPhone XR: tutte le differenze

Sembrava il classico uovo di Colombo: stesso processore, design e Face ID, ricarica wireless e qualche fronzolo in meno per contenere i costi. In linea teorica pareva avere tutte le carte in regola per trasformarsi in uno dei più grandi successi di Cupertino, e invece qualcosa è andato storto, anzi tre.

Un po’ è colpa del crescente livello di protezionismo in cui si stanno trincerando i paesi del mondo, USA e Cina in primis, e un po’ è la concorrenza della serie Mate 20 di Huawei che offre un design decisamente più compatto e moderno a prezzi più interessanti.

Ma c’è un’altra questione più sottile (gioco di parole non voluto), vale a dire le “aspettative d’un gran numero di utenti riguardo il più economico XR” che -a quel prezzo- speravano in un “design a doppia fotocamera e in un design a cornice più fina.”

E in effetti, lasciate stare il materiale di marketing e il sito Apple che sono sempre bravissimi a mostrare i prodotti dal loro lato migliore; per poter esprimere un giudizio fattuale, conviene prima vederlo dal vivo. E la prima impressione che abbiamo avuto posando gli occhi su un iPhone XR in Apple Store è stata: “ma quant’è spessa questa cornice?”. Perché è davvero molto pronunciata, tanto da impattare sulle vendite in modo cospicuo.

E così, dai 100 milioni di unità inizialmente previste, siamo passati ai 70 milioni complessivi che saranno consegnati entro la fine della prossima estate. Una botta da 30 milioni di iPhone che avrà ripercussioni su bilanci e fatturato e che, forse, si poteva evitare.

Ti potrebbe interessare
Apple tornerà presto ad innovare secondo l’exCEO John Sculley
iPhone

Apple tornerà presto ad innovare secondo l’exCEO John Sculley

John Sculley, l’ex CEO di Apple che prese il posto di Steve Jobs tra il 1983 e il 1993 e che portò la società a un passo dal fallimento, è tornato a parlare delle sorti di Cupertino. Da una parte, spiega, la mela si sta un po’ crogiolando nei successi passati, ma dall’altra sta per lanciare i prossimi grandi trend tecnologici.

AT&T venderà l’iPhone 3G senza contratto
iPhone

AT&T venderà l’iPhone 3G senza contratto

Un portavoce di AT&T, Michael Coe, ha fatto sapere che a partire dal prossimo 26 marzo sarà possibile acquistare negli Stati Uniti l’iPhone 3G senza l’obbligo di sottoscrivere il contratto biennale.Se state già pianificando le prossime vacanze negli Stati Uniti per comprare un iPhone, lasciate perdere. Infatti, l’iPhone 3G senza contratto continua ad avere il

Gates vs Jobs: il gioco
Videogiochi

Gates vs Jobs: il gioco

Immaginate di impersonare Steve Jobs o Bill Gates, di impugnare una spada laser in stile Star Wars e infine di darvele di santa ragione a vicenda per la supremazia del mondo dei computer. Grazie a Gates vs Jobs: The Game è ora possibile.Non c’è più tempo per il buonismo politically correct: è giunto il momento

Un blog e un libro, per vivere a Cupertino
iPhone

Un blog e un libro, per vivere a Cupertino

Mike Evangelist ha lavorato in Apple fino all’anno scorso, in particolare era impegnato nel progetto iDVD. Ora ha deciso di abbandonare il suo posto a Cupertino, desideroso di pensare più alla famiglia, che aveva trascurato proprio per i suoi impegni legati alla Mela. Scrive uno dei blog più visitati e interessanti del mondo Apple, “Writers