iPhone XS o iPhone XR: quale comprare? Una risposta emotiva

Ora che tutte le carte sono sul tavolo, la domanda è legittima: meglio comprare iPhone XS o iPhone XR? Vi spieghiamo -in modo totalmente ascientifico- perché avremmo scelto l’XR ma alla fine compreremo comunque l’XS.

Parliamo di

Un mese fa la scelta era d’obbligo; chi desiderava cambiare iPhone avrebbe dovuto sborsare subito i 1.300€ e passa di iPhone XS, oppure attendere le pre-vendite di iPhone XR, partite in questi giorni. Ora che invece si può scegliere tra entrambi, ci domandiamo: su quale vale la pena puntare? Ma niente confronti tecnici: diamo piuttosto una risposta emotiva.

Evento Apple 30 ottobre 2018: tutti i prodotti attesi

Chi volesse conoscere l’elenco asettico delle discrepanze tra i due dispositivi, trova tutto nel confronto tra iPhone XS e iPhone XR, pubblicato nelle scorse settimane. Niente schermo OLED, né 3D touch, materiali meno pregiati, minore resistenza all’acqua, fotocamera singola ma in compenso più batteria, display più ampio e tanti nuovi colori. Come fare una scelta ponderata?

La verità è che offre un rapporto prezzo prestazioni imbattibile, con un price point di meno di 900€. Per queste ragioni, e non ultime quelle del costo, all’inizio tifavamo per iPhone XR. Poi però ci siamo detti: se c’è da fare il botto, facciamolo per bene. E allora abbiamo deciso di puntare al non-plus-ultra per questa serie di ragioni personalissime:

  • Fotocamera Doppia: la fotocamera a lente singola dell’XR è fastidiosamente simile e al contempo diversa da quella doppia dell’XS. Sulla carta promette le stesse identiche funzionalità, in particolare per quanto concerne l’effetto Bokeh; in realtà però la sfocatura dello sfondo è ottenuta via software, il che implica che è meno accurata e soprattutto funziona solo coi soggetti umani. Inoltre, manca lo zoom ottico che in determinati contesti consente di ottenere scatti molto migliori.
  • Certificazione IP68: iPhone XS non è water-resistant ma è più resistente di iPhone XR; e siccome la fortuna è cieca mentre la sfiga ha tutti e 10 i decimi, meglio più protezione.
  • 3D Touch: Non siamo mai stati fan sfegatati del 3D Touch; tuttavia dopo aver provato la Modalità Trackpad Virtuale di iOS 12 sui modelli privi di sensore di profondità, siamo giunti alla conclusione che, per spostare il cursore durante la digitazione, il 3D Touch risulta molto più efficiente e rapido. E dunque, per ironia della sorte, abbiamo iniziato ad apprezzare questa feature proprio ora che Apple sta valutando di mandarla in pensione.
  • Design & Materiali: iPhone XS è in vetro e acciaio inossidabile, mentre iPhone XR è in vetro e alluminio; la differenza c’è e si vede, ma occorre pure dire che tanto verranno entrambi inchiavardati dentro una custodia protettiva. Quindi, alla fine cambia poco.
  • Budget: Tutte queste considerazioni stanno in piedi per la semplice ragione che il budget lo permetteva. Altrimenti, il discorso diventa molto più semplice. A chi non va di spendere così tanto per un telefono, resta il pur ottimo iPhone XR.

Comunque, considerate che su Amazon già si trovano offerte molto interessanti per iPhone XS; ecco qualche esempio:

Considerazioni Finali

Detto ciò, è ora di trarre qualche conclusione concisa. Ecco i nostri suggerimenti basati sull’emotività:

  • Consigliamo iPhone XS: ai veri fan della mela, a chi vuole l’ultimissimo modello e tutti i fronzoli che Apple ha da offrire, senza compromessi. A chi ha un budget che glielo consente.
  • Consigliamo iPhone XR: A chi vuole spendere meno pur comprando un prodotto valido, potente e con il 95% delle feature del modello di punta, ma a centinaia di Euro in meno di prezzo. A chi desidera un display più ampio ma non intende svenarsi per iPhone XS Max. A chi vuole più opzioni di colore. A chi non vuole accendere un mutuo se c’è da riparare il telefono fuori garanzia.

E voi siete d’accordo? Ditecelo nei commenti, su Twitter o sulla nostra pagina Facebook.

Cover iPhone XS, XS Max e iPhone XR: le migliori disponibili nel 2019
Ti potrebbe interessare
I primi cammeo Apple in Toy Story 3
iMac iTunes Store Mac

I primi cammeo Apple in Toy Story 3

Come quasi ogni film Pixar che si rispetti, anche Toy Story 3 contiene diversi cameo (in italiano cammeo) del mondo Apple. Nel nuovissimo film di animazione di Disney-Pixar appare un iMac utilizzato dai giocattoli. Analizzando la barra superiore del desktop si nota il nome dell’applicazione in uso: Safari.Stessa fugace apparizione per iTunes che viene utilizzato

Aggiornamento software 1.2 per MacBook e Macbook Pro introdotti ieri
Mac MacBook Pro Software Apple

Aggiornamento software 1.2 per MacBook e Macbook Pro introdotti ieri

E’ stato appena rilasciato un aggiornamento software per i MacBook e MacBook Pro con rivestimento di alluminio introdotti con l’evento Apple di ieri.Il software update 1.2 contiene aggiornamenti e bug-fix che migliorano la compatibilità coi display esterni, e risolve una serie di piccoli problemi non specificati.Come sempre, l’aggiornamento è ottenibile mediante la procedura di Aggiornamento

NBC-Universal contrattacca
iTunes Store

NBC-Universal contrattacca

Continua il botta e risposta mediatico tra Apple e NBC-Universal, a seguito della rottura del contratto per la vendita dei contenuti video su iTunes Store.Al comunicato stampa di Cupertino, che aveva sostanzialmente stigmatizzato l’ingordigia della major, contrattacca Cory Shields, vicepresidente esecutivo di NBC-Universal: “Non abbiamo mai chiesto di raddoppiare il prezzo di vendita dei nostri

Rai.tv finalmente attenta al resto del mondo
Safari

Rai.tv finalmente attenta al resto del mondo

Della scarsa attenzione del servizio pubblico televisivo italiano alla compatibilità della propria piattafroma web ne avevamo parlato più volte. Mentre i concorrenti stranieri non solo offrono contenuti in alta definizione, ma chiedono pure un feedback agli utenti Mac, la RAI sembrava disinteressarsi completamente alla cosa, fatte salve alcune iniziative da attibuire alla buona volontà di

Mettiamo ordine nel nostro Dock!
iPhone

Mettiamo ordine nel nostro Dock!

Chi di voi non ha un Dock nel proprio Mac un Dock lungo 2 miglia, con una serie di applicazioni che magari non ricordate più l’ultima volta che le avete utilizzate? In nostro aiuto viene questa carina e simpatica application: Overflow.Se installerete Overflow, potrete organizzare in categorie da voi create le icone/applicazioni in modo tematico;