iPhone XS o iPhone XR: quale comprare? Una risposta emotiva

Ora che tutte le carte sono sul tavolo, la domanda è legittima: meglio comprare iPhone XS o iPhone XR? Vi spieghiamo -in modo totalmente ascientifico- perché avremmo scelto l’XR ma alla fine compreremo comunque l’XS.

Parliamo di

Un mese fa la scelta era d’obbligo; chi desiderava cambiare iPhone avrebbe dovuto sborsare subito i 1.300€ e passa di iPhone XS, oppure attendere le pre-vendite di iPhone XR, partite in questi giorni. Ora che invece si può scegliere tra entrambi, ci domandiamo: su quale vale la pena puntare? Ma niente confronti tecnici: diamo piuttosto una risposta emotiva.

Evento Apple 30 ottobre 2018: tutti i prodotti attesi

Chi volesse conoscere l’elenco asettico delle discrepanze tra i due dispositivi, trova tutto nel confronto tra iPhone XS e iPhone XR, pubblicato nelle scorse settimane. Niente schermo OLED, né 3D touch, materiali meno pregiati, minore resistenza all’acqua, fotocamera singola ma in compenso più batteria, display più ampio e tanti nuovi colori. Come fare una scelta ponderata?

La verità è che offre un rapporto prezzo prestazioni imbattibile, con un price point di meno di 900€. Per queste ragioni, e non ultime quelle del costo, all’inizio tifavamo per iPhone XR. Poi però ci siamo detti: se c’è da fare il botto, facciamolo per bene. E allora abbiamo deciso di puntare al non-plus-ultra per questa serie di ragioni personalissime:

  • Fotocamera Doppia: la fotocamera a lente singola dell’XR è fastidiosamente simile e al contempo diversa da quella doppia dell’XS. Sulla carta promette le stesse identiche funzionalità, in particolare per quanto concerne l’effetto Bokeh; in realtà però la sfocatura dello sfondo è ottenuta via software, il che implica che è meno accurata e soprattutto funziona solo coi soggetti umani. Inoltre, manca lo zoom ottico che in determinati contesti consente di ottenere scatti molto migliori.
  • Certificazione IP68: iPhone XS non è water-resistant ma è più resistente di iPhone XR; e siccome la fortuna è cieca mentre la sfiga ha tutti e 10 i decimi, meglio più protezione.
  • 3D Touch: Non siamo mai stati fan sfegatati del 3D Touch; tuttavia dopo aver provato la Modalità Trackpad Virtuale di iOS 12 sui modelli privi di sensore di profondità, siamo giunti alla conclusione che, per spostare il cursore durante la digitazione, il 3D Touch risulta molto più efficiente e rapido. E dunque, per ironia della sorte, abbiamo iniziato ad apprezzare questa feature proprio ora che Apple sta valutando di mandarla in pensione.
  • Design & Materiali: iPhone XS è in vetro e acciaio inossidabile, mentre iPhone XR è in vetro e alluminio; la differenza c’è e si vede, ma occorre pure dire che tanto verranno entrambi inchiavardati dentro una custodia protettiva. Quindi, alla fine cambia poco.
  • Budget: Tutte queste considerazioni stanno in piedi per la semplice ragione che il budget lo permetteva. Altrimenti, il discorso diventa molto più semplice. A chi non va di spendere così tanto per un telefono, resta il pur ottimo iPhone XR.

Comunque, considerate che su Amazon già si trovano offerte molto interessanti per iPhone XS; ecco qualche esempio:

Considerazioni Finali

Detto ciò, è ora di trarre qualche conclusione concisa. Ecco i nostri suggerimenti basati sull’emotività:

  • Consigliamo iPhone XS: ai veri fan della mela, a chi vuole l’ultimissimo modello e tutti i fronzoli che Apple ha da offrire, senza compromessi. A chi ha un budget che glielo consente.
  • Consigliamo iPhone XR: A chi vuole spendere meno pur comprando un prodotto valido, potente e con il 95% delle feature del modello di punta, ma a centinaia di Euro in meno di prezzo. A chi desidera un display più ampio ma non intende svenarsi per iPhone XS Max. A chi vuole più opzioni di colore. A chi non vuole accendere un mutuo se c’è da riparare il telefono fuori garanzia.

E voi siete d’accordo? Ditecelo nei commenti, su Twitter o sulla nostra pagina Facebook.

Cover iPhone XS, XS Max e iPhone XR: le migliori disponibili nel 2019

Ti potrebbe interessare
Fornitore cinese chiude fabbrica per inquinamento
MacBook Air

Fornitore cinese chiude fabbrica per inquinamento

Catcher Technology, il fornitore taiwanese di scocche metalliche per i laptop di Apple, chiude parte della sua fabbrica di Suzhouper la fuoriuscita di strani odori dalla fabbrica. La produzione è ora diminuita del 20% e potrebbe avere ripercussioni sulla produzione dei MacBook Air.

Un pico proiettore nel prossimo iPhone 5?
iPhone

Un pico proiettore nel prossimo iPhone 5?

La tecnologia dei pico proiettori sta facendo passi da gigante, al punto che sono già in commercio dispositivi che non superano le dimensioni di uno smartphone con tanto di batteria integrata. La progressiva miniaturizzazione dei componenti permette addirittura di integrare i pico proiettori all’interno di altri dispositivi, come ad esempio nella fotocamera Nikon S1100pj.I produttori

Apple non così green dopotutto
Apple Store Tutorial

Apple non così green dopotutto

La foto che vedete qui in alto ritrae l’imballaggio che Apple ha utilizzato per spedire una piccola AirPort Card per notebook ad un Apple Store inglese. La confezione è enorme per la piccola antenna che vedete ritratta vicino all’imballo: magari una confezione più piccola avrebbe contribuito anche ad attutire maggiormente gli urti.A dispetto delle politiche

Buon Ferragosto a…
iPhone

Buon Ferragosto a…

Flickr…quelli che rimangono in città …quelli che vanno al mare …quelli che vanno in montagna …quelli che si portano dovunque il MacBook …quelli che si porterebbero dietro anche il Mac Pro …quelli che non trovano la custodia per il nuovo iPhone (che poi, con la sabbia…) …quelli che vorrebbero sotto l’ombrellone una porta USB …quelli

MacSweeper: (finto) antivirus per Mac
iPhone

MacSweeper: (finto) antivirus per Mac

Eravamo abituati a roboanti annunci di nuovi e devastanti cavalli di troia per Mac. Salvo scoprire poi che per infettarsi era necessaria una trafila di click, password e download che onestamente bisognava proprio volerselo prendere, per prenderselo.Questa volta invece la minaccia c’è davvero, ma non il virus. E’ l’antivirus.Da qualche tempo circola su Internet un’applicazione

Guerra a colpi di Pod
iPod Tutorial

Guerra a colpi di Pod

E’ di questi giorni la diatriba che vede opporsi Apple e Podcast Ready Inc. Questa azienda produce tra le altre cose un software chiamato “myPodder” che, a quanto sembra, ha fatto andare su tutte le furie quelli di Cupertino.Tanto che l’ufficio legale che cura gli interessi di Apple ha mandato una bella letterina alla Podcast

Let’s get loud
iPhone

Let’s get loud

Flickr è strepitoso, ci si trova proprio di tutto… come non regalarvi un assaggio di questa personalità glitterata.Ma anche voi personalizzate il vostro Mac? Per ogni portatile che ho avuto la fortuna di possedere non ho mai fatto cambiamenti estetici, non lo so, mi sembra di rovinarlo.