È ufficiale: i nomi sono iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR

Tana per Apple. Si sono lasciati scappare i nomi ufficiali dei nuovi iPhone: iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR.

Parliamo di

Aggiornamento del 12 settembre 2018: è ufficiale, Apple se lo è lasciato scappare all’interno della mappa del sito ufficiale, subito dopo che l’Apple Store è andato offline. Non è un rumor, ma una certezza assoluta. Ecco i nomi ufficiali dei nuovi iPhone in arrivo stasera:

  • iPhone XS
  • iPhone XS Max
  • iPhone XR

I tagli di memoria sono 64GB, 128GB e 256GB. I colori Nero, Bianco, Rosso, Giallo, Corallo e Blu. Su questa pagina trovate tutte le indiscrezioni disponibili finora.

E abbiamo anche le misure ufficiali dei nuovi Apple Watch Series 4 con display più ampio. Dite addio ai vecchi 38mm; d’ora in avanti sono questi i due tagli disponibili:

  • Apple Watch 40mm
  • Apple Watch 44mm

Evento 12 settembre: quel che si sa su iPhone XS e Apple Watch Series 4

Quel che Si Sapeva Finora

Sul sito asiatico Weibo è la foto che vedete qui in cima al post è stata scattata -a quanto si legge- durante un meeting aziendale di un gestore mobile cinese. Nella slide si leggono chiaramente i riferimenti a due inediti modelli di iPhone, vale a dire iPhone XC e iPhone XS Plus. O forse Xs Max.

È da giorni che i rumors martellano con un brand ricorrente, e lo scivolone di Apple l’ha reso ufficiale: iPhone XS. La dicitura XS, se chiedete a noi, sembra riduttiva ed è adatta a qualcosa di veramente molto piccolo; d’altro canto, sono anni che Apple adotta un andamento ondivago con gli aggiornamenti di iPhone, facendo seguire ad ogni importante update (iPhone 4, iPhone 5, iPhone 6) un anno “s” di update minori (iPhone 4s, iPhone 5s, iPhone 6s). Dunque è da qui che partiamo per ricavare i brand per gli altri dispositivi in arrivo.

La dicitura “Plus” da sempre definisce i modelli con schermo più ampio; e quest’anno, ci si aspetta un phablet simile ad iPhone X ma più potente e performante, e soprattutto con display OLED ad 6.5″. E sebbene questo dispositivo sia praticamente dato per certo, restano dubbi sul nome che Cupertino potrebbe scegliere: in precedenza, ricorderete, si era distintamente parlato di iPhone X Max, che però sembra il nome di un paio di scarpe anni ’90. Aggiornamento: a riguardo, i rumors sono evidentemente polarizzati; da una parte i carrier cinesi (e il buonsenso) lascerebbero intendere l’arrivo del Plus, ma dall’altra nomi illustri come Mark Gurman insistono sul suffisso Xs Max.

Infine, si parla anche di un misterioso iPhone XC, che immaginiamo sia il piccolo di Cupertino, con display LCD da 6.1″ e design privo di pulsante Home. In passato, l’affisso “C” indicava una versione “low-cost” per dir così dell’omologo di punta; iPhone 5c, per esempio, aveva la scocca in plastica colorata ma un prezzo inferiore rispetto ad iPhone 5.

Da notare che, per Gurman, potrebbe chiamarsi invece iPhone Xr, in cui la “r” sta per Realtà Virtuale.

Ad ogni modo, niente paura: alla verità manca pochissimo, e l’appuntamento è per mercoledì 12 settembre con il consueto Live di Melablog. Per farvi un’idea dei prezzi dei nuovi dispositivi, vi rimandiamo al nostro post con tutte le ultime novità aggiornate minuto per minuto:

iPhone Xs, iPhone Xs Max e Xc: i prezzi italiani

Ti potrebbe interessare
Aggiornamento per HandBrake: abbandonati i processori PowerPC
Software Apple

Aggiornamento per HandBrake: abbandonati i processori PowerPC

È stata rilasciata ieri sera la nuova versione di HandBrake, uno dei software preferiti dagli utenti Mac per estrarre video dai DVD o per convertire filmati per iPod, iPhone, iPad e Apple TV. La nuova versione di HandBrake non supporta più i processori PowerPC. La cosa non stupisce, la lista di software non più compatibili

Windows 7 installato su un Mac Intel
iPhone

Windows 7 installato su un Mac Intel

Il sistema operativo Microsoft non ha certo fama di essere stabile e privo di bug, ancora meno nelle sue versioni beta, quindi è il caso di definire “temerario” un membro di un Apple User Group italiano che ha scaricato e poi installato tramite WMWareFusion la versione dimostrativa di Windows 7 sul proprio MacBook.Online c’è un