iPhone Xs, iPhone Xs Max e Xc: i prezzi italiani

La versione maggiorata di iPhone XS non erediterà l’apposizione “Plus.” Stando ad alcune voci di corridoio -si spera errate- dovrebbe chiamarsi iPhone XS Max.

Parliamo di

Aggiornamento dell’11 settembre 2018

Attingendo a fonti diverse, due siti Web differenti hanno dato sostanzialmente la stessa notizia, ma iniziamo dal principio. Sappiamo che il successore di iPhone X costituirà un semplice aggiornamento di routine: processore più performante, fotocamera migliore e l’inedita opzione di colore Oro. Praticamente un aggiornamento “s” e infatti il marketing di Cupertino ribattezzerà il nuovo gingillo iPhone Xs.

Evento 12 settembre: quel che si sa su iPhone XS e Apple Watch Series 4

Onestamente avevamo escluso questa possibilità perché “Xs” sembra la taglia di un pantalone, più che uno smartphone di ultima generazione; non ispira grande epicità, ma prendiamo atto che ha senso, almeno dal punto di vista della continuità con la nomenclatura passata.

Il problema sorgeva con la versione da 6,5 pollici; a dire di qualcuno, “iPhone Xs Plus” sarebbe troppo difficile da pronunciare parlando; laddove “iPhone Xs Max” risulterebbe più spontaneo e dolce all’orecchio, ma va’ a sapere. Anche qui, in tutta onestà, non vediamo molta convenienza, neppure dal punto di vista della prosodia. A nostro giudizio suonano orrendi entrambi. E poi, perché giocare con tutte queste “X fonetiche” se la prima “X” andrebbe pronunciata “Ten”? Domande che troveranno risposte solo il 12 settembre.

Evento Apple 12 settembre: Diretta Live dalle 18.30

Prezzi Italiani

iPhone XS e iPhone X Plus: prezzi in Italia e disponibilità

Al di là della questione veniale del brand scelto, ce n’è un’altra che invece interessa molto di più. Parliamo dei prezzi europei di iPhone Xs e iPhone Xs Max. A dire del sito tedesco Macerkopf, questa è la scaletta completa:

  • iPhone 9: (oppure Xc o Xr) a partire da 799€
  • iPhone Xs: a partire da 909€
  • iPhone Xs Max (oppure Xs Plus): a partire da 1149€

C’è da scommettere che i tagli di memoria saranno i soliti, scandalosi 64GB di base, il che costringerà gli utenti a un esborso superiore per il taglio da 256GB. Ma chissà che, almeno su questo, Cupertino non riesca a sorprenderci.

Ti potrebbe interessare