HomePod: partono le vendite in Francia e Germania: e in Italia?

A partire da oggi 18 giugno 2018 HomePod, lo smart speaker di Apple con Siri e AirPlay 2, è ufficialmente disponibile anche in Canada, Francia e Germania. E in Italia?

Parliamo di

Nelle scorse ore, i possessori di HomePo statunitensi (i pochi in circolazione) si sono accorti di una inaspettata novità; il loro speaker con la mela poteva leggere le notizie anche di Canada, Francia e Germania. Basta chiedere qualcosa tipo “Hey Siri, quali sono le novità di oggi?” per sentirsi raccontare le ultime news provenienti da varie fonti: CBC, Global TV, CTV e CNN per il Canada o radio pubbliche come Deutschlandfunk per la Germania. Da stamane, infatti, il dispositivo è ufficialmente in vendite anche in questi paesi.

HomePod, è flop conclamato: scarse vendite e poca diffusione

Nell’Europa dell’Euro, almeno per il momento, HomePod costa 349€; ma non riteniamo impossibile che qui da noi -se e quando arriverà- costi qualche spicciolo in più per via della tassazione più elevata e dell’obolo SIAE.

L’avanzata di HomePod è lenta e poco incisiva; il lancio iniziale, lo scorso febbraio, riguardava Stati Uniti, Australia e Regno Unito; poi, solo un mese fa, attraverso un aggiornamento software sono arrivati il supporto a francese, tedesco e inglese canadese; il francese canadese invece arriverà in un secondo momento.

In generale, i servizi di news sono gratuiti ma negli States non mancano opzioni a pagamento come ad esempio CBC News (che costa 4,99$ per la variante senza pubblicità) e CTV News Go, che richiede invece l’autenticazione di un fornitore via cavo convenzionato.

Per quanto concerne l’eventuale lancio italiano, purtroppo, i tempi sono ancora parecchio dilatati. Non abbiamo notizie certe né rumors a riguardo, ma il fatto che manchi sia il supporto ai broadcaster nostrani che il supporto all’italiano lascia ragionevolmente ritenere che siamo ancora ben lungi dall’apertura delle vendite nel nostro paese. Che poi, tra costo per l’utente finale, feature mancanti e rischi per la privacy, quasi quasi non se ne sente neppure troppo la mancanza.

Ti potrebbe interessare
Permute: il convertitore di video semplice, funzionale e personalizzabile
iPhone

Permute: il convertitore di video semplice, funzionale e personalizzabile

Chi usa un dispositivo mobile come un iPhone o un iPad sa che quasi tutti i video della propria libreria necessitano di una conversione per poter essere visualizzati nel dispositivo. Bisogna quindi avere a che fare con programmi di conversione pieni di variabili come fps, risoluzione e dimensione finale. Chi cerca la semplicità può trovare

MWSF ’09: Apple Store Offline (Aggiornato)
Apple Store Eventi Apple

MWSF ’09: Apple Store Offline (Aggiornato)

In regolare tradizione Macworld, a poco meno di un’ora dall’inizio del keynote gli Apple Store sono andati offline. Questo momento segna anche l’inizio della nostra copertura in diretta, che potrete seguire su live.melablog.it. Buon keynote a tutti! Aggiornamento: come da copione, al termine del keynote lo store è tornato online.

Mac HelpMate: tutto ciò che serve per una diagnosi del vostro Mac
iPhone

Mac HelpMate: tutto ciò che serve per una diagnosi del vostro Mac

Mac HelpMate è uno strumento piccolo ma completo per tenere sotto controllo la salute del nostro Mac. Il software, collocabile nella categoria dei vari software di manutenzione con interfaccia ordinata e immediata, è in grado di monitorare alcuni parametri del sistema (temperatura di processore e dischi fissi, velocità delle ventole, etc.) e di lanciare una

iTunes 7: risolviamo i primi problemi
iTunes Store

iTunes 7: risolviamo i primi problemi

iTunes 7 non funziona? Apple risponde. In attesa di un aggiornamento dell’applicazione, che sembra essere l’impegno numero uno a Cupertino in questi giorni, sono stati pubblicati sul sito della Mela alcuni tutorial che vi aiuteranno a sistemare i problemi più comuni. Ecco quali: 1) Partiamo dal più diffuso a vedere i vostri commenti: il suono

Ecco il primo audiolibro di LibriVox Italia
iPhone

Ecco il primo audiolibro di LibriVox Italia

Chi di voi si ricorda di LibriVox? Ne avevamo parlato tempo fa, si tratta di un progetto open source canadese per la registrazione di audiolibri da parte di utenti volontari. Audiolibri da ridistribuire gratuitamente sul web. Bene, proprio da queste pagine si proponeva di creare in modo simile contenuti in italiano e l’invito è stato