Il Bike Sharing approda sulle Mappe Apple: disponibile in 175 città

Se siete all’estero, e vi serve un metodo pratico, economico (e magari anche ecologico) di spostarvi nel centro, ora avete un motivo in più per aprire le Mappe Apple. L’app di cartografia di Cupertino, infatti, d’ora in avanti supporta anche le stazioni di bike-sharing.

Parliamo di

Se siete all’estero, e vi serve un metodo pratico, economico (e magari anche ecologico) di spostarvi nel centro, ora avete un motivo in più per aprire le Mappe Apple. L’app di cartografia di Cupertino, infatti, d’ora in avanti supporta anche le stazioni di bike-sharing.

Basta aprire Mappe e cercare “bike sharing” per visualizzare le opzioni più vicine per affittare una bicicletta, il numero di telefono, l’indirizzo e molte altre informazioni utili. Purtroppo, non viene indicato il numero di biciclette effettivamente disponibili, il che è gran peccato.

Ma c’è anche un’altra piccola fregatura. Su 175 città sparse in 36 paesi, non figura neppure un toponimo italiano. In altre parole, questa feature vi tornerà utile nelle principali città degli Stati Uniti, a Londra, a Barcellona, a Montreal e in Germania, Austria, Croazia, Cipro, Lituania, Svizzera o perfino a Malta, ma non qui da noi.

La funzionalità è stata resa possibile da un accordo specifico con Ito World, che ha raccolto, catalogato e reso accessibili questo tipo di informazioni in tutto il mondo.

È da tempo che Apple integra costantemente nuovi servizi nelle proprie mappe, nel tentativo di irretire un numero crescente di utenti e battere Google. Ecco perché, nei mesi scorsi, sono state aggiunte anche le mappature degli interni di centri commerciali e aeroporti, i mezzi pubblici e perfino le stazioni di ricarica dei veicoli elettrici, con tanto di integrazione con Siri.

Ti potrebbe interessare
Aperture, presto un diluvio di plugins
iPhone

Aperture, presto un diluvio di plugins

Era una delle novità meno sbandierate di Aperture 1.5, eppure sta facendo scalpore tra gli utenti. Anche a dispetto di quello che credevano in quel di Cupertino. La nuova architettura di Aperture permette l’installazione di plug-in sviluppati da terzi. Un potenziale immenso e un fantastico volano per il tanto criticato software di Apple.E’ la stessa