iPhone 8 assemblato da pezzi di ricambio: ecco che aspetto ha da acceso

Hanno assemblato un iPhone 8 con i pezzi di ricambio in circolazione, e poi ne hanno simulato l'accensione con un trucco. Ecco che aspetto ha il dispositivo.

Il video che vedete qui in cima al post, pubblicato da Benjamin Geskin,
mostra un iPhone 8 creato con alcune parti di ricambio in circolazione nel mondo dell'elettronica in Asia. In realtà si tratta di un guscio vuoto sormontato da una pellicola protettiva e l'immagine di uno sfondo preso da iOS 10.3.3 beta.

Il risultato è notevole, e consente di farsi un'idea molto precisa dell'aspetto che avrà il dispositivo una volta che entrerà nei circuiti di vendita.

L'illusione è di avere davanti un iPhone 8 acceso, con display da 5,8", la cornice più sottile, la fotocamera frontale e i sensori 3D nella banda superiore nera. Su quest'ultima parte sembrano non sussistere più dubbi: le catene di fornitura Apple stanno sfornando a pieno regime componenti di 3D sensing dette vertical-cavity surface-emitting lasers o VCSEL, prodotte da Finisar and Lumentum, mentre Broadcom pensa ai moduli di ricarica wireless.

A Largan Precision, invece, sono state affidate le lenti dei sensori 3D. "Le applicazioni di Realtà Aumentata e le funzionalità 3D," scrive LoupVentures, "costituiranno il fulcro delle funzionalità della prossima generazione di iPhone. [...] Riteniamo che Apple si sia assicurata un'alta percentuale di tutti i laser VCSEL creati, il che le conferirà un enorme vantaggio competitivo e renderà Apple uno dei leader della Realtà Aumentata nel settore smartphone."

Secondo alcune voci di corridoio, Apple stima che le feature AR di iPhone 8 valgano almeno 100$ in più rispetto al prezzo di un iPhone 7s più tradizionale; ecco dunque che si arriva ai 950-1.000$ previsti per il modello base. Che, aggiunta la conversione in Euro, il costo di sdoganamento e trasporto, l'IVA e l'obolo SIAE, si tradurranno in almeno 1.000€ qui da noi per l'utente finale. Iniziamo a rassegnarci.

  • shares
  • Mail