La volta che Apple stava per cambiare nome in Executek

È il brand di maggior valore al mondo, eppure Apple rischiava di chiamarsi in tutt’altro modo. Le divertenti (e sconcertanti?) rivelazioni del co-fondatore della società, Steve Wozniak.

È il brand di maggior valore al mondo, eppure Apple rischiava di chiamarsi in tutt’altro modo. Le divertenti (e sconcertanti?) rivelazioni del co-fondatore della società, Steve Wozniak.

Google Maps, rimossa la Mascotte Android che fa pipì sul logo Apple

Durante il Festival of Marketing, Woz ha raccontato di quando l’ufficio Apple ha chiesto a lui e Steve Jobs di cambiare brand alla società perché ritenuto poco incisivo:

“La nostra agenzia pubblicitaria disse a me e a Steve ‘dovete rinunciare al nome Apple perché non trasuda la potenza dei computer.’ Abbiamo provato a dirgli che, una volta che i nostri prodotti entrano nelle case e cambiano la vita delle persone, avrà un senso perché la mela è un nome azzeccato per un marchio da casa.”

L’app di mappe sull’iPhone originale fu una decisione last-minute

Al tempo, l’idea di fondo era quella di dare una svecchiata al logo e al marchio, di renderla moderna evitando ogni contaminazione da fantascienza retrò. La loro tecnologia era per tutti, e costituiva un’alternativa ai marchi orientati verso le nicchie high-tech: tant’è che l’Apple II veniva spesso ritratto in una cucina, come fosse un frullatore.

La genesi del brand Apple non è chiara, ed esistono varie teorie. Secondo qualcuno, il nome sarebbe emerso dopo un impiego stagionale in un campo di meli di Steve Jobs; secondo altri era un nome che si sposava bene con la filosofia un po’ hippy e filonaturalistica dell’ex CEO. Non lo sappiamo con certezza, ma una cosa invece è nota: tra i tanti nomi in lizza, Steve Jobs e Wozniak discussero anche di scegliere Matrix Electronics, Personal Computer Inc. e Executek. Poi, per fortuna, ripiegarono sulla mela, e di questo siamo tutti molto lieti. Altrimenti oggi leggereste ExecutekBlog.

Ti potrebbe interessare