Minacce di morte, paghe basse e niente bonus: la vita degli impiegati Apple Store

Non è facile la vita di un impiegato Apple Store. La paga è bassa, i bonus inesistenti, e spesso capita perfino di ricevere minacce di morte da utenti inferociti.

Non è facile la vita di un impiegato Apple Store. La paga è bassa, i bonus scarsi, e spesso capita perfino di ricevere minacce di morte da utenti inferociti. Confessioni di un ex-commesso.

Apple Store, ecco come sono fatti i negozi del futuroApple Store VS. Microsoft Store: il pubblico preferisce la mela

Sembra passato un secolo dagli scioperi dei dipendenti Apple Store francesi del 2012, e ancora di più da quelli cinesi, americani e dalle proteste italiane nel 2011. Eppure, le condizioni di lavoro e le paghe non sono cambiate granché da allora; anzi, la situazione è più complicata che mai, verrebbe da dire.

Sfidando i contraccolpi legali di Cupertino, un ex-dipendente degli Apple Store inglesi ha infatti spifferato alcuni dettagli del vecchio impiego protetti da Non-Disclosure Agreement. Si scopre così che la paga è di appena 8£ l’ora (10,50€), e che lo staff non riceve alcun incentivo alle vendite, neppure se piazza un contratto business da migliaia di Sterline. Niente promozioni interne, e soprattutto molta rigidità: i contratti part-time non vengono mai convertiti in full-time e viceversa.

Le posizioni più redditizie sono quelle che stanno dietro al Genius Bar, ma tutti le odiano perché hanno a che fare con clienti arrabbiati; sono quelli che, più spesso degli altri, ricevono insulti e minacce di morte.

E poi c’è il “lavaggio del cervello” continuo, il controllo maniacale, i riti quotidiani e le richieste assurde come quella di creare un legame, una connessione con ogni singolo cliente fino a “conoscerne il gusto di gelato preferito.” Un compito arduo, non sempre necessario (chi scrive, già informato su prodotti e novità, trova la pratica infinitamente tediosa e inutile: se entro in uno store per comprare un Mac, so già che modello voglio e perché, non mi serve la lezioncina) che finisce per allungare i tempi di attesa per tutti gli altri.

Gli aspetti positivi di questo lavoro, alla fin fine, si riducono agli sconti generosi sull’hardware, al 15% di sconto sulle azioni Apple e, occasionalmente, all’accesso diretto a Tim Cook. Per il resto, è un lavoro pesante, stressante e rigidamente codificato, che oltretutto fa pure guadagnare poco anche come manager. E se un dipendente entra con un Samsung in negozio, non viene licenziato: di certo, però, non fa neppure bella figura.

Ti potrebbe interessare
iBooks utilizzerà FairPlay per proteggere gli eBook dalla copia
Applicazioni iPad iPad

iBooks utilizzerà FairPlay per proteggere gli eBook dalla copia

L’esperienza di Apple nella distribuzione di contenuti digitali non ha eguali ed è facile immaginare che anche per iBooks verrà adottato lo stesso modello di successo dell’iTunes Store.Il Los Angeles Times tuttavia si interroga su quale potrebbe essere il modello di DRM (Digital Rights Management) scelto da Apple per proteggere dalla copia non autorizzata gli

Melablog cerca nuovi blogger
iPhone

Melablog cerca nuovi blogger

Ed eccoci all’ennesimo passo in avanti. Melablog vuole cercare nuovi blogger da aggiungere alla sua crew. Se volete aiutarci a rendere sempre più puntuale, e presente, il nostro blog sarete i benvenuti. Per farlo vi chiediamo di inviarci una mail a [email protected], possibilmente corredata di curriculum. In ogni caso specificate un contatto di messaggeria istantanea