iCloud, il punto debole della sicurezza su iPhone e iPad

Non tutti gli elementi dell’ecosistema Apple sono protetti con la stessa forza; tra hardware e sistemi operativi, il vero punto debole è il collante sulle nuvole, vale a dire iCloud.

Non tutti gli elementi dell’ecosistema Apple sono protetti con la stessa forza; tra hardware e sistemi operativi, il vero punto debole è il collante sulle nuvole, vale a dire iCloud.

Allarme Sicurezza, centinaia di app OS X a rischio per via di Sparkle

Negli ultimi anni, Apple ha irrobustito significativamente la sicurezza su iPhone e iPad, adottando una serie di artifici tecnologici e tecnici che talvolta sono risultati perfino indigesti agli utenti, tipo l’Errore 53 che porta al blocco del dispositivo se lo fate riparare con pezzi non originali. Una misura draconiana nata per testare i dispositivi che escono dalla fabbrica.

E mentre coi dispositivi di ultima generazione, stando così le cose, neppure Apple può accedere ai dati degli utenti, la situazione è ben diversa per quanto concerne iCloud. Per design, i dati contenuti sul Cloud con la mela devono essere accessibili da Cupertino, altrimenti non potreste effettuare ripristini al volo. Lo spiega bene Walt Mossberg:

Tuttavia, nel caso di iCloud, sebbene la sicurezza anche lì sia robusta, Apple dice che deve lasciarsi aperta la possibilità di aiutare a ripristinare i dati, poiché quello è lo scopo principale del servizio. Questa differenza risulta rilevante in casi di richieste di sblocco dalle forze dell’ordine. La posizione della società è che farà tutto ciò che è in suo potere per aiutare le agenzie governative nelle loro indagini, assolvendo alle richieste legali. Tuttavia, se da una parte non possiede le informazioni necessarie per aprire un iPhone protetto con password, […] dall’altra, per quanto riguarda i backup di iCloud, può accedere alle informazioni e rigirarle alle forze dell’ordine.

Il che significa che iMessage e SMS, acquisti online, foto e video, impostazioni, dati delle applicazioni e dati di Salute sono sempre accessibili ad eventuali inquirenti, se avete attivo il backup su iCloud. Non sono incluse invece informazioni come: mail di altri provider e le app, nonché le password del WiFi, delle app e dei servizi, e le password salvate nel Portachiavi iCloud.

Dunque, i paranoici della sicurezza possono disattivare iCloud e abilitare invece l’archiviazione crittografata su iTunes. Trovate la guida qui di seguito.

iTunes: archiviare un backup di iPhone e perché dovreste farlo subito
Ti potrebbe interessare
“Back to the Mac”: Apple fornirà il live video streaming dell’evento
iPhone

“Back to the Mac”: Apple fornirà il live video streaming dell’evento

Come già successo in occasione del keynote dedicato alla musica dello scorso 1 settembre, anche stasera Apple fornirà il live video streaming dell’evento “Back to the Mac” durante il quale con ogni probabilità saranno presentati Mac OS X 10.7 Lion, iLife e iWork 2011 e il nuovo MacBook Air. Secondo quanto recita il comunicato stampa

Facebook – uno storage on line per iPhoto
Software Apple

Facebook – uno storage on line per iPhoto

Dopo aver parlato di Facebook come un iPhoto on line, eccovi la mini recensione del plugin per iPhoto. Certo, perché anche se l’interfaccia web di Facebook per l’upload delle foto è fatta molto bene, sicuramente risulterà più facile e veloce farlo di iPhoto, dove si ha più familiarità…