iPhone 6S: la produzione del nuovo processore A9 è iniziata?

Apple dà il via alla produzione del nuovo chip A9 di iPhone 6S, non senza qualche piccolo intoppo.

Parliamo di

Secondo il solito DigiTimes, Samsung e TSMC avrebbero dato il via alla produzione del nuovo processore A9 di Apple, destinato a diventare il componente chiave della prossima generazione di iPhone. La voce di corridoio sembra sposarsi alla perfezioni con quelle riguardanti l’inizio della produzione di iPhone 6S, circolate a fine giugno.

Poco prima del via libera alla realizzazione del chip A9, Apple avrebbe in realtà inviato alcune richieste dell’ultimo minuto alle aziende di manifattura, chiedendo alcune modifiche ai wafer. La cosa comunque non è data come in grado di far slittare il piano di lancio del nuovo smartphone, a detta delle stesse fonti della notizia di oggi.

L’ordine di Apple per iPhone 6S sarebbe senza precedenti: a detta di quanto circolato su Internet, l’azienda americana avrebbe piazzato un ordine iniziale tra gli 85 e i 90 milioni per il telefono di prossima generazione, prevedendo così un boom nelle vendite al lancio senza uguali nella storia del dispositivo.

Via | iClarified.com

Ti potrebbe interessare
La tecnologia di Siri avrà una parte importante in iOS 5
WWDC

La tecnologia di Siri avrà una parte importante in iOS 5

Un anno fa, Apple ha comprato Siri, una start-up che ha rilasciato un’ottima piattaforma di ricerca e riconoscimento vocale per iPhone. Adesso il team di sviluppo di Siri ha acquistato un ruolo attivo nello sviluppo di iOS 5. Sembra infatti che la tecnologia di Siri sia ora fortemente integrata in iOS 5, con tutti i

iPhone 3.0 e Palm Pre guideranno il mercato
iPhone 3G

iPhone 3.0 e Palm Pre guideranno il mercato

Secondo uno studio condotto da ChangeWave, iPhone con OS 3.0 e Palm Pre saranno i cavalli trainanti dell’intero mercato degli smartphone nei prossimi mesi.Dopo che le specifiche del nuovo aggiornamento di iPhone sono divenute pubbliche, la percentuale di potenziali nuovi possessori di iPhone si è attestata attorno al 30% degli intervistati. Circa il 9% di