Prove gratis e condivisione: le feature dello streaming musicale Apple

Il nuovo servizio di streaming musicale che Apple lancerà tra un paio di mesi prevede solo piani a pagamento, ma ci saranno periodi di prova e feature di condivisione.

Ora che il debutto del nuovo servizio di streaming musicale di Apple si avvicina, sul Web fanno capolino le prime indiscrezioni su funzionalità, prezzi e tipologie di abbonamenti che saranno disponibili. Ecco tutti i dettagli.

Il servizio di streaming musicale di Apple nelle mani di Trent Reznor

Il costo mensile dell’abbonamento dovrebbe ammontare a 9,99$ e dunque a circa 9,99€ qui da noi, SIAE permettendo. Purtroppo non saranno previsti piani gratuiti o freemium come su Spotify, ma in compenso saranno resi disponibili diversi modi per fruire gratuitamente della musica.

In particolare, Cupertino ha intenzione di offrire un periodo di prova gratuita del servizio, della durata di due o tre mesi, dopo il quale partiranno gli addebiti. L’ampiezza di questo lasso di tempo dipenderà dall’esito delle negoziazioni con le etichette.

E poiché l’unica opzione disponibile è a pagamento, Apple ha in programma l’aggiornamento contestuale di iTunes Radio, con tante nuove stazioni curate da specialisti del settore e contenuti locali. E intendiamoci: non sono le Major a rinnegare il modello supportato da pubblicità. È Apple che sta tentando di convincerle che, con la sola pubblicità, si guadagna troppo poco.

Come dire, invece di offrire un servizio gratuito ma modesto, che quindi non inciderebbe più di tanto sugli equilibri di mercato esistenti (anche perché, per una volta, Apple è arrivata tardi), meglio sparare subito i colpi di cannone, con un prodotto di fascia alta e ricco di feature.

Inoltre, la mela sta sta spingendo per convincere autori e musicisti a caricare online alcune delle proprie opere, quelle più significative, così da renderle disponibili anche per chi non è iscritto. Qualcosa tipo SoundCloud, per intenderci, la piattaforma di condivisione della musica per farsi conoscere dal pubblico.

Vedremo se queste benedette trattative si concluderanno e come; sono anni che vanno avanti, tra tira e molla e stagnazioni, e ora, a complicare ulteriormente le cose, ci si mettono pure FTC e Dipartimento di Giustizia negli USA e Commissione Europea qui da noi. Il tempo però stringe.

Ti potrebbe interessare
John Gruber: l’iPad mini non è un tablet da 7 pollici
iPad

John Gruber: l’iPad mini non è un tablet da 7 pollici

John Gruber è tornato a parlare dell’iPad mini per fare un po’ di chiarezza tra le varie voci che si sentono in giro sull’atteso piccolo tablet della Mela: Come si può far quadrare l’idea che Apple faccia un iPad mini con le dichiarazioni di Jobs di appena un anno e mezzo fa? Si può ribadire

iPhone 4: rissa all’Apple Store di Carugate
Apple Store

iPhone 4: rissa all’Apple Store di Carugate

Oggi è il gran giorno anche per l’Italia: l’iPhone 4 è arrivato. Come già successe in passato, la coda degli utenti fuori dagli Apple Store e dai punti vendita è iniziata ieri, tra persone che vi hanno passato la notte e lunghe code.Un nostro lettore, il gentile Morz, ci segnala come all’Apple Store di Carugate

Evacuato il campus di Cupertino per un falso attentato terroristico
iPhone

Evacuato il campus di Cupertino per un falso attentato terroristico

Il quartier generale di Apple a Cupertino è stato scosso dal panico generato per un falso allarme di attentato terroristico. Il Mercury News scrive che nello stabile 4, in un bar, un dipendente Apple ha scoperto un involucro “sospetto” contenente della polvere bianca. Sebbene la polvere non abbia avuto effetti sul dipendente, il panico si

iPhone OS 3.0: registrazione video, bussola digitale, auto-focus e controlli vocali
iPhone

iPhone OS 3.0: registrazione video, bussola digitale, auto-focus e controlli vocali

MacRumors ha pubblicato la foto dell’interfaccia della funzione video dell’iPhone software 3.0 beta.Nella parte inferiore dello screenshot, a destra, si nota un cursore che permette di scegliere di utilizzare la fotocamera o la ripresa video.Secondo quanto riporta il blog americano, l’interfaccia non è abilitata di default ed è possibile attivarla solo dopo aver modificato alcuni

Niente più ATI nei Mac Intel
iPhone

Niente più ATI nei Mac Intel

E’ di oggi la notizia dell’acquisto di ATI da parte di AMD. A poche ore dall’annuncio, Intel, partner di ATI ma acerrima concorrente di AMD, ha annunciato che non rinnoverà licenza e accordi per i chip grafici ATI. Si aprono nuovi scenari nel mondo dell’accelerazione grafica. Intel probabilmente investirà ulteriormente nello sviluppo dei propri chip