Se un iPad finisce nel surgelatore

Cosa accade se un iPad di terza generazione finisce in un blocco di ghiaccio? Niente, perché continua a funzionare magnificamente. Anche se poi si fa un volo di due metri e mezzo.

L’abbiamo visto finire polverizzato nei leggendari -e spaventosi- frullatori della Blendtec; poi, non contenti, l’hanno pure crivellato con un fucile d’assalto, gettato da un’altezza di 400 metri e sottoposto a sadici crash test per vedere l’effetto che fa. E ora, ecco la ciliegina: un iPad di terza generazione finisce dentro un blocco di ghiaccio e ne esce pure incolume.

Per evitare che l’acqua corrodesse i circuiti ancor prima di iniziare l’opera, Tim Angel della ZooGue ha foderato l’iPad in un involucro trasparente. Poi, l’ha infilato nel congelatore e ricoperto d’acqua. Risultato: il tablet con la mela finisce in un blocco di ghiaccio e continua pure a funzionare. Poi, per liberarlo dalla morsa, il metodo è il solito, ovvero una sana caduta da due metri e mezzo, e passa la paura.

Magari, che dite, subito dopo si può fargli il trattamento opposto nella lava? Come nel video qui sotto.

Ti potrebbe interessare