Apple sceglie di andare a processo per i prezzi degli eBook

In seguito alle accuse di collusione per stabilire artificiosamente il prezzo degli eBook, Apple decide di proseguire per vie legali negli USA. Intende dimostrare la propria innocenza nelle aule del tribunale.


Contrariamente agli spettacoli indecorosi (tutti rigorosamente “all’insaputa” del diretto interessato) che ci propina ogni giorno la nostra classe dirigente e politica, Apple ha deciso di voler andare avanti nel processo per il presunto cartello sui prezzi degli eBook. Una scelta che le fa onore, nata dalla volontà di dimostrare la propria innocenza anche nelle sedi opportune, oltre che coi proclami.

Lo spiega Daniel Floyd, legale per la mela, parlando al giudice Denise Cote:

“Sostanzialmente, vorremmo che il processo fosse deciso entrando nei meriti. Crediamo che il processo aperto nei nostri confronti non sia appropriato e vorremmo dimostrarlo.”

In realtà, oltre al nobile intento, c’è almeno un’altra ragione per cui a Cupertino conviene andare avanti. Il fatto è che tre dei cinque editori coinvolti hanno preferito evitare le incertezze d’un procedimento legale optando per un accordo extragiudiziale; se passasse questa linea, Apple sarebbe costretta a dire addio ai contratti costruiti sul cosiddetto “modello agenzia” e quindi alla clausola che impedisce di vendere altrove gli eBook a prezzi inferiori rispetto all’iBookstore. Benché apparentemente utile per gli utenti, un simile scenario rischierebbe di consegnare ad Amazon praticamente l’intero settore e di renderla monopolista di fatto; il timore di Cupertino, degli editori e dell’Associazione degli Autori è infatti che il colosso dell’e-commerce adoperi tecniche di dumping per sbarazzarsi definitivamente della concorrenza.

La prima udienza si terrà il prossimo 22 giugno, presso la Corte Distrettuale del Distretto Sud di New York.

Ti potrebbe interessare
Firmware 2.3: copia incolla in arrivo?
iPhone 3G iPod touch

Firmware 2.3: copia incolla in arrivo?

Secondo il sito francese Mac Addict, non soltanto Apple sarebbe già al lavoro sulla prossima versione del firmware per iPhone ed iPod touch, ma alcune voci di corridoio parlano addirittura della futura introduzione di alcune feature molto richieste dagli utenti, come ad esempio il copia/incolla.Si legge nel blog che, stando alle loro molto attendibili e

WWDC 2008: Mobile Me sostituirà .Mac
WWDC

WWDC 2008: Mobile Me sostituirà .Mac

Il cambiamento era nell’aria e ora è confermato: MobileMe è il nuovo servizio di casa Apple che manderà ufficialmente in pensione l’attuale servizio .Mac.Da pochi minuti si è concluso il keynote al WWDC08 e abbiamo appreso che MobileMe si propone come una suite completa di applicazioni online, che realizzano le stesse funzionalità degli applicativi come

Da FastMac un drive blue-ray per i Mac
Accessori Apple Apple Book iMac

Da FastMac un drive blue-ray per i Mac

FastMac ha presentato il suo primo drive Blu-Ray a 2x, pensato per alcuni modelli di Macintosh. Il nuovo slot permette di godere della capacità dei dischi blu-ray fino a 50Gb di capacità, in lettura, scrittura e riscrittura (anche dual layer). In particolare lo slot è stato testato e certificato come compatibile con Premier Pro di

Apple inciampa nell’iPod Shuffle
iPhone

Apple inciampa nell’iPod Shuffle

E così si scopre che iPod Shuffle non può essere utilizzato con eMac o iMac G3 per colpa delle ridotte dimensioni di accesso dello slot USB nei due computer. Non sarebbe stato più serio se Apple, sul sito o nella confezione, avesse segnalato l’incompatibilità? O meglio se, nella confezione, avesse incluso un cavo USB di