Apple testa Xcode 4.4 e Safari 5.2


Sulla scia della terza beta di Mountain Lion di quest'oggi, Apple ha inviato agli sviluppatori anche nuove build di Safari 5.2 e Xcode 4.4. Il primo introduce notevoli novità, come i filtri CSS e SVG, mentre il secondo porta con sé la compatibilità con gli standard più recenti, un compilatore aggiornato e molto altro.

Le note di rilascio di Xcode 4.4 Developer Preview 3 introducono la versione 4.0 del compilatore Apple LLVM e diverse altre migliorie, tra cui:


  • Funzionalità di linguaggio Objective-C

  • Migliorato supporto per lo standard 2011 C++

  • Miglioramenti nell'analizzatore statico di Xcode

  • Nuovo supporto di interface builder alle funzionalità AppKit

  • Introdotto un visualizzatore ed editor per i file 3D come i documenti .DAE

  • Miglioramenti nella Barra di Ricerca e nel Search Navigator

  • QuickHelp integrato nel completamento del codice

Dato l'alto numero di problemi noti, tuttavia, è molto probabile che i tempi per il rilascio della versione definitiva saranno ancora lunghi. Per quanto concerne Safari 5.2 Update 3, invece, le novità riguardano il nuovo filtro grafico vettoriale scalabile, controller media HTML 5 e Web Inspector ridisegnati, e soprattutto filtri CSS, API Web Audio e tracce temporizzate HTML 5.

I filtri SVG consentono di "combinare diversi elementi primitivi di filtro con elementi di sorgente della luce per formare un unico, sofisticato filtro da applicare agli elementi SVG." I nuovi Asset HTML5 consentono di controllare la riproduzione locale dei media HTML5, mentre i filtri CSS consentono di applicare effetti a tutte le immagini con una sola riga di codice e senza modifiche all'originale, così come si vede qui sopra.

Web Inspector si rifà il look; ora propone una rinnovata interfaccia, una "nuova iconografia, una barra di navigazione più comoda, una timeline integrata, una console JavaScript persistente e molto altro." Infine, le API Web Audio introducono delle "librerie JavaScript di alto livello per processare e sintetizzare l'audio nelle applicazioni Web." A differenza della riproduzione basilare tipica dell'HTML5, con tale tecnologia si renderanno possibili complesse funzionalità quali mixaggio, processamento e filtraggio dell'audio.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: