L'app iPad dà problemi, e decine di aerei non decollano

L'app per iPad utilizzata dai piloti va in panne. E decine di voli della American Airlines hanno subìto ritardi.

ipad_cabina_pilotaggio


La tecnologia è una gran cosa, per carità, ma con la carta certe seccature non esistevano. Decine di voli American Airline hanno subìto ritardi a causa di un problema con l'app per iPad utilizzata dai piloti della compagnia. Risultato, sono dovuti tutti tornare al gate per agganciarsi al WiFi per risolvere la faccenda.

"Alcuni voli," ha spiegato il portavoce di American Airlines, "stanno subendo ritardi a causa di un'applicazione software sugli iPad dei piloti. In alcuni casi, il volo è stato costretto a rientrare al gate per accedere ad una connessione WiFi e risolvere. Ci scusiamo per il disagio causato ai nostri clienti. Stiamo lavorando per farli giungere a destinazione al più presto possibile."

Un impasse che ha funestato "alcune dozzine di voli" per l'intera compagnia aerea. Ma per fortuna, il problema è stato subito identificato, e oramai è già bello che risolto.

Non è chiaro cosa sia andato storto, ma un passeggero in viaggio da Dallas a Fort Worth racconta di aver udito il capitano fare un annuncio all'interfono, spiegando che l'iPad del col-pilota si era bloccato all'improvviso; poi, dopo 25 minuti di attesa, una nuova comunicazione ha spiegato che anche l'iPad principale si era bloccato. Infine, dopo altri 45 minuti, un ultimo annuncio: tutti i voli su 737 di American Airlines vivevano il medesimo dramma.

È dal 2011 che negli USA si usano gli iPad per assistere i piloti in tutte le fasi di volo, e American Airlines fu la prima compagnia di alto profilo a imboccare la strada digitale. E la ragione è semplice: l'iPad in volo consente di risparmiare 40 kg di mappe cartacee per ogni velivolo, senza contare i manuali e il carburante risparmiato. Si parla di economie di scala per molti milioni di dollari l'anno.

Le forze aeree USA adottano gli iPad e mirano al risparmio

  • shares
  • Mail