Come pagare meno tasse, l’esempio di Apple

Un video spiega come Apple e altre aziende riescano a pagare pochissime tasse, nonostante i lauti profitti

Parliamo di

Nei paesi membri dell’Unione Europea vige un accordo per cui le aziende che pagano le tasse in uno dei paesi membri non le devono pagare negli altri stati, così come avviene per la libera circolazione delle merci, per cui se si acquista un prodotto in Germania si pagano le tasse tedesche, ma non occorre pagare altre tasse o dazi di importazione se ce lo facciamo spedire in Italia.

Il problema è che non tutte le nazioni dell’Unione Europea hanno la stessa tassazione, la sola IVA ad esempio, che in Italia è pari al 22%, in altri paesi europei è molto più bassa, ad esempio 15% in Lussemburgo e solo 12% in Belgio.

La tassazione sui profitti delle imprese è ancora più variabile, in Italia si calcola che sia superiore al 31% (IRES + IRAP), mentre la media europea è del 22,75%, con il minimo dell’Irlanda dove i profitti delle imprese vengono tassati al 12,5%.

Apple, come molte altre multinazionali, ha quindi impiantato la propria sede fiscale europea in Irlanda proprio per beneficiare di una tassazione più favorevole, un vantaggio sia per l’azienda, sia per l’Irlanda che in qualche modo riesce a creare posti di lavoro sul proprio territorio e nello stesso tempo ad incamerare una quantità notevole di tasse, nonostante le basse aliquote, grazie ai grossi volumi di fatturato di queste multinazionali.

Il problema è però che queste tasse non vengono redistribuite proporzionalmente nelle nazioni che hanno contribuito a creare il fatturato di queste aziende, ma vengono incamerate solo dallo stato che le ospita, creando quindi una sorta di concorrenza fiscale tra le nazioni europee.

Apple ad esempio ha impiantato la sede fiscale per i profitti derivanti da iTunes nel Lussemburgo, dove la tassazione sarebbe del 29%, ma in realtà visti i numeri in gioco il Lussemburgo si è dimostrato molto flessibile, facendo pagare ad Apple solo 25 milioni di euro di dollari di tasse a fronte di un profitto 2.05 miliardi di fatturato, pari ad un misero 1,2%.

Il video che riportiamo qui sopra mostra come Apple ed altre multinazionali con la complicità del governo lussemburghese abbiano escogitato diversi escamotage al limite della legalità per pagare meno tasse, facendo scoppiare lo scandalo Luxleaks che potrebbe portare alle dimissioni del nuovo presidente dell’Unione Europea Junker.

Ti potrebbe interessare
Niente NVIDIA nei futuri Mac?
iMac Mac Mac Pro

Niente NVIDIA nei futuri Mac?

Riportiamo una indiscrezione apparsa su SemiAccurate secondo cui, a partire dai prossimi Mac e per almeno due anni, NVIDIA sparirà dalle specifiche dei computer Apple. I loro chip, infatti, non garantirebbero gli standard di qualità ed affidabilità di Cupertino. In particolare, due sarebbero le ragioni principali di questa brusca virata. Prima fra tutte c’è la

iTunes 8: come ripristinare le impostazioni rimosse
iPhone

iTunes 8: come ripristinare le impostazioni rimosse

Dopo il lancio di iTunes 8, non molti si sono accorti della scomparsa di due piccole impostazioni dalle preferenze dell’applicazione. La prima riguarda la possibilità di non visualizzare i collegamenti all’iTunes Store, la seconda di togliere i Generi durante il browsing. La notizia non però è sfuggita all’occhio attento dei nostri lettori che hanno già

MobileMe già consegnato per errore
Mac Software Apple

MobileMe già consegnato per errore

Un utente americano tedesco (a quanto pare…) che aveva acquistato il servizio .Mac su Apple Store si è visto recapitare a casa il nuovo pacchetto MobileMe, presentato al recente WWDC08, che sostituirà la precedente suite di servizi online di Cupertino nei prossimi giorni. Visto che il servizio è ancora inutilizzabile, il cliente ha contattato il

Arrivano gli Apple Premium Days
iPhone

Arrivano gli Apple Premium Days

Come saprete già, se da tempo rimandate acquisti Apple presso qualche rivenditore “fisico”, venerdì 9 e sabato 10 è il momento migliore per lo shopping. In queste due giornate, infatti, Apple ha organizzato una sorta di festa per tutti gli Apple Premium Reseller, che vivranno di offerte, eventi e dimostrazioni. Parteciperanno tutte le principali catene,

iTunes Repair Tool per Vista, versione 1.0
iTunes Store Software Apple

iTunes Repair Tool per Vista, versione 1.0

Se avete acquistato l’ultimo sistema operativo made in Redmond e acquistate musica online tramite iTunes Store, vi sarete già accorti che i due software sono come il diavolo e l’acqua santa. Mi spiego meglio: a quanto pare gli utenti di Windows Vista che acquistano brani dallo store sopraccitato, visualizzano un messaggio nel quale viene detto