Protezione dei dati: FBI accusa Apple e Google di esagerare con la sicurezza

Apple troppo sicura? Secondo l’FBI i dati degli utenti Apple sarebbero troppo ben difesi, limitando le indagini della polizia federale americana.

È il direttore del FBI, James Comey, che si scaglia contro Apple e Google. Secondo lui, la difesa dei dati degli utenti è troppo avanzata ed impedirebbe ai suoi agenti di accedere liberamente ai dati degli utenti. In una dichiarazione ai giornalisti di Washington, Comey ha sottolineato come la protezione dei dati sia di fatto contro la legge statunitense:

Credo con forza nelle leggi, ma credo anche che nessuno in questo paese può piazzarsi al di sopra della legge. Quello che mi preoccupa è che ci sono delle compagnie che pubblicizzano esplicitamente strumenti che permettono alla gente di piazzarsi al di sopra della legge.

La dichiarazione di Comey è chiaramente una diretta risposta a Tim Cook, che la settimana scorsa aveva scritto agli utenti, assicurando che Apple non ha mai e mai lavorerà con agenzie federali per svelare i dati degli utenti. Tim Cook è sicuramente stato sollecitato dallo scandalo NSA, che ha rivelato di come le agenzie federali spiino gli utenti, a volte anche grazie alla collaborazione dei produttori stessi dei dispositivi.

Quello che auspicherebbe Comey è uno stato di polizia che ricorda il romanzo 1984 di George Orwell, dove nulla sfuggiva della vita della popolazione agli occhi del Grande Fratello. Il desiderio di controllo di Comey è stato deluso anche da Google, che subito dopo Apple, di è affrettata nel dire che anche gli utenti Android sono al sicuro da attacchi alla loro privacy, seppur considerati legali negli USA.

Nella tormenta delle fughe di dati degli ultimi tempi, malgrado le rassicurazioni di Tim Cook, viene anche da interrogarsi sulla effettiva capacità degli agenti federali americani. Se giovani hacker sono capaci di sottrarre alle celebrità le loro foto più intime o se i browser integrati nelle app di iOS fanno acqua da tutte le parti, vuol dire che ultimamente la sicurezza non è proprio il punto forte di Apple o di Google. Ricordiamo ancora le risate che hanno seppellito Eric Schmidt mentre vantava l’inattaccabile sicurezza dei dispositivi Android, il che la dice lunga sulla protezione dei nostri dati.

Via | Huffington Post

Ti potrebbe interessare
Cross Forward: iAd? Costa semplicemente troppo
Tutorial

Cross Forward: iAd? Costa semplicemente troppo

Niente da fare, iAd rappresenterà pure l’eccellenza in campo pubblicitario nell’ecosistema di iOS, ma viene a un prezzo che semplicemente non è per tutti. A lamentarlo è David Smith di Cross Forward Consulting, riportando i dati di una recente campagna per la loro app più popolare, Audiobooks Premium. Per ogni vendita andata in porto, ammonisce,

PowerPc ti lascio…
iPhone

PowerPc ti lascio…

Potevamo dimenticare il momento accendino? Rischiavamo di farlo ma proviamo a recuperare. Con il Mac Pro la transizione è completa quindi… addio al PPC. Un addio pesante, visto che per molti anni dire PPC ci sembra dire Think Different. Campagne aggressive contro Intel e in favore del PPC, di cui abbiamo già parlato, sembrano perdere