iPhone 6, produrlo costa 200$ e la componentistica proviene da Samsung

Gli esperti del Web hanno smontato iPhone 6, e hanno stimato che per produrlo servono circa 200$. Ma la vera sorpresa è un’altra e riguarda il chip A8.

Parliamo di


Come da tradizione, IHS iSuppli ha smontato un iPhone 6 e ne ha analizzato le componenti per giungere ad una stima dei costi di produzione sostenuti da Apple per ogni unità. E più o meno siamo sempre là come coi modelli precedenti.

Leggi anche: Produrre un iPhone 5s costa 199$, un iPhone 5c 173$

Un anno fa, di questi tempi, Apple spendeva grossomodo 199$ di manodopera e materiali per sfornare un iPhone 5s; e oggi spende praticamente la stessa cifra -200hBc per tirar fuori dalla catena di montaggio un iPhone 6 da 16GB, il che significa che si porta a casa qualcosa come un 69% di profitti lordi su ogni dispositivo venduto. C’è da sottolineare tuttavia che in questo computo mancano i costi di ricerca e sviluppo, e quelli del marketing e della distribuzione, senza dimenticare la componente software.

Ciò detto, è evidente che -almeno dal punto di vista industriale- non passi molta differenza tra un 5s e un 6; per dire, ce n’è di più con l’iPhone di prima generazione:

I margini risultano in linea con i modelli di iPhone più recenti ma sono più alti dei primissimi modelli. Il margine lordo su iPhone 5, rilasciato nel 2012, e dell’iPhone 5s, rilasciato l’anno dopo, erano all’incirca del 69%; questo almeno hanno rivelato gli studi al tempo. Con l’iPhone 5c, il telefono più economico rilasciato sempre nel 2012, i margini lordi erano prossimi al 68%. A mo’ di paragone, basti ricordare che i margini lordi del primo iPhone, rilasciato nel 2007, erano vicini al 55%.

Come al solito, Apple si assicura margini leggermente migliori sui modelli di capacità superiore, e questo dipende strettamente dallo schema di prezzi: produrre un iPhone 6 da 128 GB costa appena 47$ in più rispetto all’entry level da 16GB, ma costa oltre 200$ in più all’utente finale.

Per la stessa ragione, iPhone 6 Plus risulta ancora più conveniente per la mela, visto che per produrlo Cupertino spende appena 16$ in più rispetto all’iPhone 6 equivalente. In effetti, tolti il display e la batteria più grandi, e un modulo fotocamera con stabilizzatore ottico, per il resto le differenze tra i due telefoni sono davvero minime.

La notizia più curiosa, tuttavia, è un’altra e riguarda il rapporto tra Apple e Samsung. Sapevamo che la prima cercava in ogni modo di sbarazzarsi della seconda, ma nonostante gli sforzi il divorzio non può ancora consumarsi. I chip A8 incastonati negli iPhone 6 non sono forniti esclusivamente da TSMC; a dare una mano c’è Samsung, che si è fatta carico del 40% dell’intera produzione globale.

L’iPhone 6 è sottilissimo ma questa caratteristica può costare cara agli utenti: ad alcuni, si è deformato dopo averlo tenuto in tasca.

Ti potrebbe interessare
10H548: nuova buid per Mac OS X 10.6.5
iPhone

10H548: nuova buid per Mac OS X 10.6.5

Apple ha da poco rilasciato una nuova versione di Mac OS X 10.6.5 agli sviluppatori. La nuova build, 10H548, arriva a due settimane di distanza dalla precedente, 10H542, che fu inviata il giorno 14 settembre. Le note sembrano essere molto generiche rispetto alle altre build precedenti e non menzionano nessun problema in particolare. Si elencano

TeamViewer: ora anche per Mac, un’alternativa a Back To My Mac
iPhone

TeamViewer: ora anche per Mac, un’alternativa a Back To My Mac

Il tool in questione si chiama TeamViewer, si propone le stesse finalità del servizio Back To My Mac, ed è ora disponibile anche per Mac OS X.Per coloro che non conoscono il funzionamento del servizio Back To My Mac, possiamo dire che, in generale, è un modo per gestire da remoto il proprio Mac. Si

Arriva Adium 1.0b1
Software Apple

Arriva Adium 1.0b1

Disclaimer: Come ci ha segnalato il team di traduzione di Adium l’installazione della beta di cui stiamo parlando è sconsigliata, dando anche di Adium X l’immagine di un’applicazione instabile. Cosa che, come sanno tutti gli utenti di lunga data dell’applicazione, non è. Quindi: se siete realmente interessati a partecipare alla fase di beta testing, cercate

E’ Mac mini mania
iPod Mac Mac Mini

E’ Mac mini mania

Da una ricerca effettuata negli Stati Uniti sembra che solo tre dei 98 Apple Store abbia disponibilità di Mac Mini, con solo 3 pezzi in stock per ogni negozio. La lista di attesa media è di 12 persone per il Mac Mini e ben 120 persone per iPod Shuffle, i tempi previsti per la consegna