iPhone 6, gli ordini di Apple rallentano le consegne destinate ai competitor

Vi sembrerà incredibile, ma Apple ha ordinato talmente tanti iPhone 6 da intasare i canali logistici della Cina; risultato: Samsung e gli altri subiranno pesanti ritardi sulle consegne dei loro dispositivi.

Parliamo di


Sappiamo già che Apple ha ordinato un quantitativo record di iPhone 6 ai suoi partner asiatici; si parla di qualcosa come 70-80 milioni di unità da consegnare entro il 30 dicembre di quest’anno. Sono numeri davvero giganteschi, soprattutto se consideriamo che un anno fa, di questi tempi, Cupertino richiedeva 50-60 milioni di iPhone 5s e iPhone 5c. Ecco perché nelle catene di montaggio cinesi sono stati assunti almeno altri 100.000 nuovi operai per far fronte a queste esigenze.

Ma la vera notizia è un’altra e dà veramente l’idea dell’importanza (o quanto meno, della bravura) dimostrata da Apple in questo tipo di faccende. La quantità di dispositivi richiesti dalla mela è tale da ingolfare l’intero sistema logistico del paese, creando così grossi contrattempi per Samsung e gli altri competitor. A riguardo, TechCrunch scrive:

Le consegne destinate ad Apple attraverso i principali vettori come FedEx e UPS sembrano risultare “incredibilmente alte” per il trimestre delle festività, il che significa che Apple ha in programma per la stagione un numero mostruoso di iPhone o qualunque altra diavoleria in arrivo. A quanto pare, la società starebbe inondando i suoi canali di dispositivi, causando ritardi nelle consegne di altri produttori “top tier.” Tutto per far fronte alle richieste di Apple.

In alcuni casi, si legge, i vettori hanno confermato di “non poter rispettare le tempistiche visto che i servizi erano stati tutti prenotati da un ‘cliente molto importante.'” E non crediate che la cosa sia una novità assoluta: in passato, per garantire scorte sufficienti di iMac G3 e iPod, Apple aveva predisposto scherzetti simili ai suoi avversari. Talvolta senza volerlo, talvolta sì.

Uno stato di cose che ci induce ad essere ottimisti; visto l’andazzo, è probabile infatti che le scorte di iPhone 6 saranno adeguate alla domanda già a partire dalle prime settimane di disponibilità, almeno per quanto concerne il modello da 4,7″. Per il 5,5″, infatti, troppi rumors recenti sembrano indicare ritardi e colli di bottiglia in catena di montaggio.

Per scoprire la verità, non resta altro che attendere le 19:00 di domani sera. E noi ci saremo col consueto Live di Melablog. Non mancate.

Presentazione iPhone 6 e iWatch: orario live, come seguirlo, e tutte le novità attese

Ti potrebbe interessare
Apple brevetta il mouse ambidestro
Software Apple

Apple brevetta il mouse ambidestro

Nell’encomiabile tentativo di semplificarci la vita, Apple ha recentemente registrato un brevetto che descrive un Magic Mouse ancora più magico, in grado cioè di percepire automaticamente se lo stiamo usando con la mano sinistra o quella destra. E di impostare di conseguenza eventuali pulsanti, virtuali e reali che siano.Grazie a dei sensori integrati, il mouse

Furto di iPhone 4: l’arresto più veloce della storia
iPhone

Furto di iPhone 4: l’arresto più veloce della storia

San Francisco, un comune pomeriggio di lunedì scorso. Jordan Sturm passeggiava tranquillamente col suo iPhone 4 in mano, quando all’improvviso una bicicletta sbucata dal nulla le passa accanto a gran velocità e le strappa letteralmente di mano il telefono. Si dà il caso, però, che quell’iPhone stesse testando il funzionamento di un sofisticato sistema di

DeepSleep v. 0.7
iPhone

DeepSleep v. 0.7

Esce la nuova versione v. 0.7 di DeepSleep, una utile widget che permette di spegnere il nostro Mac e di ritrovare tutto come lo avevamo lasciato una volta riacceso.Simile al safe sleep introdotto da Apple, questa widget congela letteralmente tutto quello che stavamo facendo prima di allontanarci dal Mac, in questo modo permette di spegnere

il mangia cervelli che trova la descrizione dei tuoi MP3
iTunes Store Software Apple

il mangia cervelli che trova la descrizione dei tuoi MP3

Non so voi ma la mia libreria di iTunes è sempre piena di pezzi senza descrizioni che puntualmente mi trovo a dover “spulciare” per ascoltare quello che mi interessa. Finalmente ho trovato uno strumento che, come nella conversione da CD a AAC/MP3, mi riempe automaticamente i campi Gruppo, Artista, Titolo, ecc. delle mie canzoni digitali.Il