iPhone 6 da 5.5″ vetro in zaffiro limita la disponibilità

La versione dell’iPhone 6 con display da 5.5 pollici potrebbe essere prodotta in quantità limitate a causa dell’elevato costo di produzione del vetro in zaffiro

Parliamo di

Da alcuni mesi diverse indiscrezioni sostengono che Apple sia al lavoro su due modelli di iPhone 6, uno dotato di display da 4.7 pollici ed uno dotato di display da 5.5 pollici, una sorta di phablet della Mela, al punto che qualcuno sostiene che i due dispositivi potrebbero chiamarsi rispettivamente iPhone Air e iPhone Pro.

Al momento tutte le informazioni trapelate riguardano il modello da 4.7 pollici, descritto in accurati disegni tecnici che hanno permesso di realizzare interessanti rendering e realistici mockup fisici, mentre poco si sa del modello da 5.5 pollici, che dovrebbe essere messo in vendita a distanza di alcuni mesi dalla presentazione del modello da 4.7 pollici.

Secondo alcune indiscrezioni pubblicate sul sito cinese Weibo l’iPhone 6 da 5.5 pollici potrebbe essere prodotto inizialmente in quantità limitate a causa dell’utilizzo di un ampio cristallo di zaffiro come vetro di protezione del display, particolarmente difficile da produrre e di conseguenza molto caro.

Il costo di produzione del solo cristallo di zaffiro da oltre 6 pollici di diagonale avrebbe un prezzo di 1743 yuan, circa 200 euro, una cifra che farebbe raddoppiare il costo di produzione rispetto a quello dell’attuale iPhone 5s, il cui display ha un prezzo di poco superiore ai 30 euro.

Recentemente il celebre analista Ming-Chi Kuo ha ipotizzato che la difficoltà di produrre display con vetro in zaffiro abbia indotto Apple a scegliere questa soluzione solo per i modelli top di gamma, come appunto il cosiddetto iPhone Pro da 5.5 pollici con almeno 64 GB di memoria flash.

Al momento infatti Apple sta approvvigionando i costosi schermi in zaffiro da fornitori esterni, ma ha anche avviato la produzione in Arizona, avendo nei mesi scorsi effettuato massicci investimenti negli stabilimenti di GT Advanced, per arrivare a produrre oltre 100 milioni di schermi in zaffiro quando sarà a pieno regime.

Ti potrebbe interessare
OS X Lion:  iLife aggiornato in attesa di iWork
Software Apple

OS X Lion: iLife aggiornato in attesa di iWork

Apple ha rilasciato una serie di aggiornamenti software per la suite iLife. Si tratta di iMovie 9.0.4, iPhoto 9.1.5 e GarageBand 6.0.4. Gli aggiornamenti sono in vista del prossimo rilascio di Mac OS X Lion e mirano a risolvere problemi di stabilità e di compatibilità con il nuovo sistema operativo. Dopo l’update di iLife, mancano all’appello degli aggiornamenti per iWork. Il ritardo nel rilasciare aggiornamenti per la suite iWork può nascondere una nuova versione con modificazioni di un certo peso e che integrerebbero, maggiormente che in iLife, le nuove funzionalità di Mac OS X Lion.

iTunes Store: anteprime da 90 secondi negli USA
iTunes Store

iTunes Store: anteprime da 90 secondi negli USA

Stando alle informazioni raccolte da Symphonic Distortion, Apple sta per estendere ufficialmente le anteprima delle canzoni dai 30 secondi attuali a ben 90 secondi di durata. Con qualche limitazione qua e là, nei soli territori USA per il momento e, probabilmente, nella speranza che le Major non notino troppo la novità.A riguardo, la lettera inviata

Nuovo bundle MacFriendly, ancora software Mac scontato
iPhone

Nuovo bundle MacFriendly, ancora software Mac scontato

Torna la possibilità di acquistare software Mac scontato con il nuovo bundle di applicazioni offerto da MacFriendly. Sono 12 le applicazioni Mac presenti nel pacchetto software per un valore commerciale che supera i 400 dollari, ma vendute ad un prezzo scontato dell’85% ovvero 49.99 dollari, all’incirca 36 euro. Una parte di ciascuna vendita andrà a

Apple Tv diventerà anche una piattaforma di gioco?
Applicazioni iPhone

Apple Tv diventerà anche una piattaforma di gioco?

Paul O’Connor, fondatore di Appy Entertainment (che sviluppa apprezzate app per piattaforma iPhone), è convinto che Apple Tv finirà per essere presto o tardi “anche” una console per videogiochi.La Appy Entertainment sosterrà questo anche dall’alto della sua personale convenienza, visto che ha tutte le carte in regola per sostenere lo sviluppo anche di eventuali titoli