Active Storage sul punto di proporre il suo Xserve

Conto alla rovescia di Active Storage

"Quando si chiude una porta, si apre un portone": un vecchio detto che ora sembra adattarsi al mondo dei server. La pagina di Active Storage esibisce un conto alla rovescia, che terminerà lunedì 31 gennaio 2011, al momento in cui gli Xserve saranno decretati da Apple definitivamente come parte del passato. Un indizio su una nuova gamma di server Mac OS-compatibili?

Dalla decisione di non produrre più Xserve, Apple ha consigliato di rivolgersi verso soluzioni alternative, come quelle offerte da Active Storage. Finora Active Storage proponeva strumenti di gestione nativi Mac OS X, come il Storage Remote Control che include persino una app per iPhone per monitorare lo stato dei server.

Prodotti come ActiveRAID ES rappresentano una buona soluzione RAID per gli utenti Apple, dato che fanno uso di Mac OS X Server. Ma qui stiamo parlando di prodotti server di un nuovo tipo, anch'essi pensati per utenti Apple. In pratica, i nuovi prodotti di Active Storage che usciranno in sostituzione degli Xserve monteranno una variante di Darwin come interfaccia per l'amministrazione del sistema. Il nuovo hardware sarà probabilmente lo standard per i Data center con Mac OS X, ossia detto in poche parole: un Xserve di terze parti.

[Via 9to5Mac]

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: