iPhone 6: Samsung e Sharp fuori dalla produzione dei display

Tutto pronto per il lancio a settembre di iPhone 6, ma sembra ora che Samsung e Sharp siano fuori dalla corsa: Apple ha scelto di rivolgersi ad altri fornitori.

Parliamo di

Aggiornamento del 20 maggio 2014, a cura di Ruthven.

Quando si tratta di preparare un nuovo prodotto, Apple si rivolge a più di un produttore per non oberare di lavoro una sola azienda e per assicurarsi forniture anche in caso di problemi. Per l’iPhone 6 la procedura è la stessa e Apple prevede avere vari fornitori per i display da 4,7” del prossimo iPhone. Però, se a Cupertino si sono sempre riforniti negli ultimi anni presso Samsung e Sharp, sembra ora che la strategia sia cambiata e che le due aziende potrebbero ritrovarsi fuori gara.

Apple si rifornisce, per i display dell’iPhone 6, a due industrie solide: LG e Japan Display. Finora, si pensava che il terzo fornitore potesse essere o Samsung o Sharp, come in passato, senza escludere che entrambe le aziende potessero lavorare contemporaneamente sulla manufattura degli schermi da 4,7”. Secondo il sito di Taiwan UDN però, Apple ha invece messo da parte sia Samsung che Sharp, preferendo affidarsi ad Innolux.

La Innolux Corporation non è l’ultima arrivata: si tratta di una società di Taiwan ben assestata che però incasserebbe con gli schermi dell’iPhone 6 un contratto molto importante, sopratutto se si pensa che viene preferita a Samsung e Sharp, due aziende con una notevole esperienza nel settore.

Che Apple decida di affrancarsi dalla dipendenza da Samsung è un fatto ben noto. Però non ci era riuscita finora e in più di un’occasione era dovuto tornare a rivolgersi a Samsung, anche se a malincuore. Adesso che sembrava che le due aziende stessero trovando un accordo in tribunale, per terminare tutte le cause in corso per violazione di brevetto, questa decisione sembra decretare un divorzio definitivo fra Apple e Samsung.

Leggi Apple contro Samsung: si tratta per la pace?

Malgrado ciò, Samsung continua a fornire ben il 62% dei pannelli di cui Apple ha bisogno per i suoi iPad Air e iPad mini, laddove LG arriva a malapena al 38%: una diluizione preoccupante, se consideriamo che soltanto un anno prima LG poteva vantare quote pari al 61% del totale. In passato, Apple aveva già ridotto le commesse all’avversaria Samsung sul versante dei pannelli LCD, sperando terminare un contratto che le legava fino alla fine del 2012. Si è visto poi che questo progetto si era rivelato impossibile: il bisogno di forniture di grossi quantitativi di display LCD da parte di Apple l’aveva costretta a rivolgersi ancora una volta all’esperienza di Samsung.

Leggi: Apple torna a rifornirsi presso Samsung Display.

Via | Redmond Pie

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

iPhone 6 display da 4.7 pollici in produzione da Maggio

iPhone-6-settembre
Scritto da: xtom – mercoledì 2 aprile 2014

Appare ormai certo che il prossimo iPhone 6, il cui debutto è previsto per Settembre, sarà dotato di un display da 4.7 pollici, probabilmente con una risoluzione superiore a quella dei display da 4 pollici degli iPhone 5.

L’agenzia Reuters, citando fonti provenienti dai fornitori Apple, afferma che la produzione di massa del display da 4.7 pollici sarà avviata in maggio, presso gli stabilimenti della Japan Display, mentre Sharp e LG Display avvieranno la produzione di massa di questi display nel mese di Giugno. Giusto in tempo per permettere a Foxconn e probabilmente a Pegatron di assemblare i primi esemplari di iPhone 6 durante l’estate, seguendo la classica tabella di marcia delle precedenti generazioni di iPhone lanciate nel mese di Settembre.

Il display da 4.7 pollici dovrebbe essere realizzato con tecnologia In-Cell, che permette di realizzare schermi più sottili del 15% e con un consumo di energia inferiore del 10%, integrando direttamente il sensore touch nel display, lo stesso tipo utilizzato negli iPhone 5.

Produrre display In-Cell però è molto più complesso, la produzione iniziale degli iPhone 5 subì infatti dei ritardi proprio a causa dell’adozione di questa tecnologia, ed a quanto pare lo stesso problema si starebbe verificando nella messa a punto dei display da 5.5 pollici destinati alla versione più grande del prossimo iPhone.

Secondo le fonti di Reuters la produzione di massa dei display da 5.5 pollici sarà avviate diversi mesi dopo quella dei display da 4.7 pollici, facendo slittare il debutto di questa sorta di phablet della Mela al 2015, al punto che qualcuno pensa che in realtà il display da 5.5 pollici verrà adottato sul cosiddetto iPhone 7, o per meglio dire sull’iPhone Pro, dato che il nuovo iPhone 6 potrebbe chiamarsi iPhone Air.

Ti potrebbe interessare
Richard Stallman: Apple crea manette digitali per limitare la libertà informatica
App Store

Richard Stallman: Apple crea manette digitali per limitare la libertà informatica

Richard Stallman è un personaggio scomodo. Fondatore della Free Software Foundation, fra gli sviluppatori e promotori di Gnu/Linux, è da sempre impegnato sul fronte della libertà digitale e della difesa della privacy. Naturalmente le posizioni di Stallman a favore del software libero si scontrano spesso e volentieri contro gli interessi delle multinazionali… tra cui Apple.In

Apple Event 27 Gennaio: dite la vostra durante la diretta
iPhone

Apple Event 27 Gennaio: dite la vostra durante la diretta

Ci siamo, tra poco il keynote di Steve Jobs comincerà e potrete seguire il live-blogging direttamente su live.melablog.it.Qui, invece, lo spazio è tutto per voi: per i vostri commenti e le vostre impressioni a caldo su quanto Steve Jobs presenterà in questo keynote che si prospetta decisamente elettrizzante.Buon keynote a tutti!

Apple annuncia “iPhone Tech Talk World Tour”
iPhone 3G iPod touch

Apple annuncia “iPhone Tech Talk World Tour”

Con una mail inviata agli sviluppatori poche ore fa, è stato presentato il nuovo progetto Apple denominato iPhone Tech Talk World Tour che promette di spiegare al mondo i pregi della tecnologia impiegata in iPhone ed iPod touch. L’evento è gratuito ma, si legge, il numero di posti limitato.Il messaggio originale di Cupertino recita: Gli

Google Gadget per Mac OS X: disponibile la versione beta
iPhone

Google Gadget per Mac OS X: disponibile la versione beta

Da ieri, Google ha reso disponibile la versione beta dei propri Google Gadgets, una sorta di widget create dagli utenti stessi: in questo modo Google estende il proprio “pacchetto” di applicazioni gratuite nella direzione di Cupertino, proponendo così un prodotto cross-plattform utilizzabile anche in ambiente Mac OS X. Per maggiorni informazioni, rimando al blog ufficiale.Personalmente