iPhone 6, nessuna modifica al sensore di impronte Touch ID di iPhone 5s

Le fonti nelle catene di montaggio asiatiche affermano che il sensore di impronte digitali di iPhone 6 sarà pressoché identico a quello del 5s. E per una ragione precisa.

Parliamo di


Aggiornamento dell’11 febbraio 2014, a cura di Giacomo Martiradonna.

Lo scorso mese, Digitimes scriveva che TSMC aveva iniziato la produzione dei sensori di impronte digitali dedicati ad iPhone 6, e per l’occasione sembrava che Apple avesse deciso di adottare un nuovo processo produttivo a 65 nm in fabbriche da 12 pollici, il che avrebbe garantito un notevole dell’efficienza complessiva. Senonché, ora sembra di capire che i piani in seno alla mela siano cambiati di nuovo: per iPhone 6, si continuerà a produrre il Touch ID senza pressoché alcuna variante rispetto al 5s.

Il sensore della prossima generazione di iPhone continuerà ad essere prodotto in una fabbrica a 8 pollici. Lo ha rivelato Digitimes in un nuovo report, in cui si legge:

In precedenza Apple aveva deciso di far produrre a TSMC i sensori di impronte digitali per il suo iPhone di prossima generazione presso gli impianti a 12 pollici utilizzando processi a 65 nm, le fonti avevano sottolineato. Tuttavia, rendendosi conto dei rischi associati alle tecnologie WLP, Apple ha finalmente scelto il processo produttivo a 8 pollici di TSMC poiché assicura ritmi produttivi stabili nella produzione dei sensori di impronte.

Il che significa anche che TSMC non sarà più tenuta a centralizzare la produzione facendosi carico di ogni singolo passaggio, e che potrà tornare a esternalizzare le fasi dell’assemblaggio vero e proprio.

La scelta operata da Apple porterà a costi lievemente superiori ma, nel complesso, si è rivelata saggia. Una delle principali ragioni dela scarsità di iPhone 5s sul mercato nei mesi successivi al debutto, infatti, era costituita dalla lentezza nell’approvvigionamento dei sensori Touch ID; al prossimo giro, tuttavia, questo non sarà più un problema.

iPhone 6, nuovi processi produttivi a maggiore efficienza per il Touch ID

touch_ID

Uno dei motivi dell’indisponibilità dell’iPhone 5s sul mercato nei primi mesi di commercializzazione era la lentezza cronica che caratterizzava i tempi di assemblaggio del sensore di impronte digitali. Con iPhone 6 questo copione non dovrebbe ripetersi, visto che TSMC, il partner asiatico che assembla fisicamente il Touch ID, sta spostando la produzione in un impianto più efficiente.

Inoltre, in luogo dell’esternalizzazione del processo di packaging a società terze come Xintec, China Wafer Level CSP e Advanced Semiconductor Engineering, tutto verrà gestito centralmente garantendo così tempistiche e controllo nettamente superiori al passato. Lo ha rivelato Digitimes, che scrive:

Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) pare che inizierà la produzione dei sensori di impronte digitali per l’iPhone di prossima generazione di Apple nella sua fabbrica a 12 pollici con processo a 65 nm entro il secondo trimestre del 2014, secondo le fonti dell’industria.

Il riferimento, piuttosto tecnico, è alla dimensione dei wafer di silicio da cui si ricavano i chip per intaglio. È evidente che un wafer da 12 pollici, cioè 300 mm, sia più esteso di quello da 8 pollici utilizzato per iPhone 5s, il che si traduce in maggiore efficienza. Ciò dovrebbe bastare a metterci al riparo dai cronici problemi di approvvigionamento del Touch ID in futuro; anche se, a essere sinceri, non ci sorprenderebbe se il collo di bottiglia fosse semplicemente un altro come in ogni debutto di prodotto che si rispetti.

Ti potrebbe interessare
Aggiornamento Font Open Type su Snow Leopard
iPhone

Aggiornamento Font Open Type su Snow Leopard

Apple mette a disposizione un aggiornamento che corregge alcuni problemi dei caratteri OpenType. Finora la visualizzazione e la stampa di alcuni font Open Type soffriva di alcuni bug sotto Mac OS X, che questo aggiornamento risolve. L’aggiornamento software è raccomandato a tutti gli utenti di Mac OS X 10.6.7 Snow Leopard.L’aggiornamento per Mac OS X

Boxee Remote: controllare Boxee con iPhone
iPod touch

Boxee Remote: controllare Boxee con iPhone

Il media center Open Source per Apple TV e computer fissi alternativo a Front Row, Boxee, si fregia di una nuova componente che lo rende ancora più appetibile e completo: un’applicazione ufficiale per iPhone ed iPod touch che consente di controllarlo in remoto.Si chiama Boxee Remote, si connette a Boxee tramite WiFi (purché ci si

iPhone 2.0 supporterà l’email in tempo reale via .Mac?
iPhone

iPhone 2.0 supporterà l’email in tempo reale via .Mac?

Ci potrebbe essere anche la gestione email in tempo reale, tra le varie novità, che dovrebbero vedere la luce con il nuovo firmware 2.0 per iPhone.Un lettore di TUAW ha reso disponibili una serie di scatti, relativi all’ultima versione beta del firmware, in cui compaiono alcune nuove impostazioni specifiche, dedicate al funzionamento in modalità push.

Rilasciato il software di sblocco per iPhone
iPhone

Rilasciato il software di sblocco per iPhone

Come riportato da Engadget, che ha prodotto anche il video che vedete qui sopra, è partita la commercializzazione del software per lo sblocco di iPhone. iPhoneSIMFree, questo il nome, permette l’utilizzo di iPhone non solo con le schede AT&T, ma con qualsiasi SIM di qualsiasi operatore. Il prezzo è piuttosto elevato, 99$, e permette di

iPhone a settembre in Sud Africa
iPhone

iPhone a settembre in Sud Africa

Mentre in Europa non si hanno ancora notizie certe sugli operatori che distribuiranno iPhone, in Sud Africa le cose sono decisamente diverse. Oggi, infatti, Cellucity ha annunciato di essere il distributore esclusivo di iPhone nel paese, a partire da settembre 2007. Cellucity è il distributore di Vodacom, una delle quattro compagnie telefoniche presenti nel paese.

Il nostro futuro, visto da Intel
iPhone

Il nostro futuro, visto da Intel

In una recente conferenza stampa, i vertici di Intel hanno illustrato la roadmap per i prossimi due anni della loro gamma di processori per l’home computing. Gli attuali processori Core2Duo, presenti nella gamma Mac, verranno sostituiti, tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008, con le nuove CPU della serie Peyrin. Ecco le caratteristiche