Aggiornati Final Cut Pro, Compressor e Motion: supporto per 4K e i nuovi Mac Pro

Ora che i Mac Pro stanno fisicamente per finire nelle mani degli utenti, Apple ha aggiornato Final Cut Pro, Compressor e Motion. E le novità sono tantissime.

A breve distanza dall’inizio ufficiale della commercializzazione dei nuovi Mac Pro, Apple ha contestualmente rilasciato versioni aggiornate delle sue principali ProApps. E tra le novità più importanti, ovviamente, troviamo il supporto ai nuovi Mac e ai display Ultra HD 4K.

Final Cut 10.1 ora supporta i monitor, i titoli, i generatori e le transizioni 4K, attraverso Thunderbolt 2 e HDMI; risultato ottenuto grazie all’ottimizzazione per le nuove dual GPU incastonate nei Mac Pro. Ma ci sono tante piccole feature in più e cambiamenti che risulteranno graditi agli addetti ai lavoro. La changelist è gigantesca:

  • Prestazioni di riproduzione ed elaborazione ottimizzate con dual GPU sul nuovo Mac Pro.
  • Controllo video fino a 4K tramite Thunderbolt 2 e HDMI su computer Mac selezionati.
  • Contenuto 4K compresi titoli, transizioni e generatori.
  • Le librerie consentono di raccogliere più eventi e progetti in un unico pacchetto.
  • Apertura e chiusura semplificata di singole librerie per caricare solo il materiale necessario.
  • Possibilità di importare i file multimediali in posizioni interne o esterne alla libreria.
  • Backup automatico delle librerie su un’unità o un network specificati dall’utente.
  • Le istantanee del progetto consentono di acquisire velocemente lo stato del progetto per un versioning rapido.
  • Controlli per la dissolvenza audio in canali audio individuali della timeline.
  • Possibilità di aggiungere velocità di ritemporizzazione precise inserendole numericamente nella timeline.
  • Opzione di ritemporizzazione senza ondulazione.
  • Sostituzione e ritemporizzazione in un passo.
  • Dimensioni personalizzare dei fotogrammi del progetto.
  • Modifiche mostrate su tutti i tipi di clip. Comando “Join Through Edit” per rimuovere i tagli a lametta dai clip nella timeline.
  • Separazione dell’audio dei clip multi-camera nella timeline per la modifica separata di audio e video. Modifiche a video o audio nella timeline usando i clip multi-camera come sorgenti.
  • Strumento Lametta e spostamento audio in tagli a J e L.
  • Scorrimento dell’audio con tagli a J e L.
  • Possibilità di nascondere il browser per guadagnare spazio su schermo per la visualizzazione.
  • Supporto nativo per file .MTS e .MT2S di videocamere AVCHD.
  • Indicatori multimediali sui clip sorgente.
  • Prestazioni migliorate per progetti di grandi dimensioni.
  • Prestazioni migliorate durante la modifica o l’aggiunta di parole chiave in più clip alla volta.
  • Possibilità di spostare, copiare e incollare facilmente più fotogrammi chiave.
  • Opzione di animazione lineare con effetto Ken Burns.
  • Stabilizzazione immagine migliorata con la modalità Tripod e InertiaCam.
  • Importazione di foto dai dispositivi iOS.
  • Controlli della qualità di riproduzione e proxy accessibili dal menu di visualizzazione.
  • Supporto per i metadati di immagini verticali o orizzontali nelle immagini fisse.
  • I parametri effetto, font e dimensioni di testo sono adesso inclusi nei metadati XML.
  • Supporto migliorato per l’aumento dei contenuti multimediali e la modifica durante acquisizione.
  • FxPlug 3 con interfacce personalizzate e supporto per dual GPU.
  • API per le operazioni personalizzate di condivisione mediante software di terze parti.
  • Condivisione diretta su YouTube con risoluzione 4K.
  • Condivisione diretta sui siti cinesi di video Youku e Tudou.
  • Traduzione in spagnolo.

Final Cut Pro X è disponibile a 269,99€ e può essere acquistato direttamente seguendo questo collegamento al Mac App Store. Chi volesse dare un’occhiata al software prima di un acquisto così impegnativo (soprattutto visti i malumori suscitati tra gli addetti ai lavori con questa Major Release), può scaricare una trial gratuita da 30 giorni da questa pagina del sito Apple.

Oltre questo, Apple ha rilasciato anche Compressor 4.1 e Motion 5.1. La prima introduce una nuova interfaccia a finestra singola e controlli semplificati, “destinazioni predefinite” per le attività di codifica più comuni e una configurazione semplificata per la codifica distribuita; l’altra invece introduce FxPlug 3 con interfacce personalizzate e supporto per dual GPU, un caricamento più rapido dei progetti più complessi e tante ottimizzazioni le dual GPU installate sul nuovo Mac Pro. Trovate Compressor su questa pagina dell’App Store, e Motion su quest’altra; entrambe costano 44,99€ l’una.

Ti potrebbe interessare
Nuovi MacBook Air con nuovo connettore per SSD-card
MacBook Air

Nuovi MacBook Air con nuovo connettore per SSD-card

iFixit è entrata subito in possesso di un nuovo MacBook Air da 13 pollici e come di consueto ha cominciato a dissezionarlo per scoprire le novità che si celano all’interno dell’ultrabook della Mela.In generale l’architettura hardware è rimasta pressoché invariata, ad esempio l’adozione dei nuovi processori Intel Ivy Bridge a basso consumo non ha comportato

Tutte le dimensioni degli schermi dei prodotti Apple
iPhone

Tutte le dimensioni degli schermi dei prodotti Apple

Fino a sei mesi fa la gamma dei prodotti Apple era divisa in due grandi famiglie ben separate per dimensioni, da una parte la famiglia dei piccoli iPod, alla quale appartiene anche l’iPhone, dall’altra la famiglia dei tradizionali Mac.Tra i 3.5 pollici dello schermo dell’iPhone ed i 13.3 pollici dei più piccolo dei MacBook c’era

Syncplicity disponibile anche per Mac
iPhone

Syncplicity disponibile anche per Mac

Non è un mistero il fatto che MobileMe non abbia convinto tutti. Anche ora, nonostante i molti miglioramenti e la risoluzione dei molti problemi emersi fin dal disastroso lancio del servizio, sono in molti a cercare alternative alle diverse funzionalità.Il servizio di MobileMe per cui esistono più alternative è probabilmente iDisk (che effettivamente rimane in

Imminente il lancio di Msn Messenger 5?
iPhone

Imminente il lancio di Msn Messenger 5?

Lo scorso 25 maggio Microsoft ha messo online gli Help Files del prossimo Messenger per Mac, che giungerà così alla sua quinta versione. Conoscendo le abitudini dell’azienda di Redmond, questo significa che il lancio avverrà tra circa 15 giorni, forse di lunedì. La stessa Microsoft avrebbe confermato una release pubblica per il mese di giugno.Msn