Mac Pro, compare un nuovo benchmark del modello a 12 core

Un nuovo benchmark relativo ai Mac Pro cilindrici a 12 core ha fatto capolino sul Web. I risultati sono in linea con le aspettative.

Lo scorso giugno era trapelati sul Web dei benchmark relativi al nuovo Mac Pro cilindrico che Apple dovrebbe commercializzare proprio in queste ore. In particolare, si trattava del modello con CPU Xeon E5-2697 v2 Ivy Bridge-E a 2.7 GHz a 12 core, un vero e proprio mostro di potenza che per di più era minato da un OS ancora piuttosto acerbo. Poi è stata la volta dei test relativi alla variante da 8 core seguita da quella da 6 rispettivamente a settembre e novembre. Il problema, al tempo, era che i vari benchmark utilizzavano versioni differenti di Geekbench, non direttamente comparabili tra loro, ma una cosa era chiara sin da subito: non difettavano di forza bruta.

Ora, invece,sono emersi i risultati di Geekbench 3 -l’ultima build- in esecuzione sul Mac Pro in configurazione high-end a 12 core. E MacRumors, che li considera autentici, scrive:

Sono stati pubblicati tre set di risultati con Geekbench, due a 32 bit e l’altro a 64 bit. Le medie sono di 2.909 e 2.909 punti, rispettivamente per i test a 32 bit a singolo core; coi test in multi-core si arriva a 29.721 punti, ovvero molto vicini alle aspettative su macchine Windows con hardware analogo.

È esattamente quel che ci aspettavamo. Visto che la velocità nominale di clock è relativamente bassa, i test su singolo core non danno risultati da far gridare al miracolo; anzi, sono perfino inferiori a quelli visti su 6 e 8 core. Ma la differenza si nota eccome quando i core funzionano contemporaneamente, tanto da stracciare la vecchia generazione di Mac Pro Mid 2012 a 12 core.

Se tutto va come sperato, l’effettiva commercializzazione dei Mac Pro dovrebbe avere inizio proprio stasera, quando negli Stati Uniti sarà mattina, con prezzi che dovrebbero aggirarsi sui 2.999$ e 3.999$ per le configurazioni base. E se questi numeri vi spaventano, aspettate di sentire quanto costa la variante build-to-order di fascia altissima con 12-core, 64 GB di RAM, 1 TB di storage Flash e dual AMD FirePro D700: ben 10.000$, stando ad un preventivo formulato per un cliente business.

Ti potrebbe interessare
Iniziate le prime consegne di iPad negli USA
iPhone

Iniziate le prime consegne di iPad negli USA

Se da una parte la data di consegna degli iPad è slittata di qualche giorno per i nuovi ordini, nulla cambia per chi è stato previdente (o avventato, a seconda delle interpretazioni). Anzi, come dimostra l’immagine pubblicata da MacRumors, per costoro i primi iPad sarebbero già sulla strada di casa.Gli utenti che hanno acquistato il

Arriverà Concierge, l’applicazione per gestire e prenotare gli appuntamenti negli Apple Store?
iPhone 3G iPhone 3GS iPod touch

Arriverà Concierge, l’applicazione per gestire e prenotare gli appuntamenti negli Apple Store?

Apple sarebbe al lavoro per lanciare un’applicazione per iPhone (e iPod touch) che porterà alcuni servizi dei propri negozi ai possessori dei dispositivi mobili made in Cupertino. Con Concierge, il presunto nome dell’applicazione, sarà possibile prenotare appuntamenti con i Genius e gestire gli appuntamenti One-to-One con gli esperti Apple, come già è possibile fare direttamente

Spot Microsoft: anche Gianpaolo snobba il Mac
iPhone

Spot Microsoft: anche Gianpaolo snobba il Mac

Secondo appuntamento con la serie di spot targati Microsoft in cui, al posto della candida Lauren, compare Gianpaolo, un ragazzo che quanto a computer dice di sapere il fatto suo. Cambia il protagonista ma la solfa è la stessa: il MacBook è sexy, ma a lui serve potenza di calcolo, non un’opera d’arte.Secondo lo smaliziato

iBluetooth in beta testing
iPhone 3G iPod touch

iBluetooth in beta testing

iBluetooth, l’applicazione non ufficiale con la quale sbloccare il servizio bluetooth su iPhone ed iPod Touch ha concluso la fase di sviluppo ed è ora passata a quella di beta testing.I beta tester sono già stati selezionati e se non verranno rilevati gravi bug, l’applicazione sarà rilasciata tra un paio di giorni su Cydia.Si ricorda

.Mac inaccessibile: in arrivo MobileMe
Software Apple

.Mac inaccessibile: in arrivo MobileMe

Come ampiamente previsto ed annunciato, il servizio .Mac è stato messo offline da Apple, che sta effettuando la transizione a MobileMe.Una volta completato l’aggiornamento dei server, Apple dovrebbe rendere disponibile un piccolo updater (via Aggiornamento Software) per eseguire le modifiche necessarie sui nostri Mac.Entro le 9:00 di oggi dovrebbe debuttare il nuovo servizio, vi terremo