Apple precipita nella classifica delle migliori società in cui lavorare

Apple è precipitata nella classifica delle migliori società in cui lavorare, superata con sgambetto da Twitter, LinkedIn, Facebook e Intel.

L’ultima classifica Glassdoor sul grado di soddisfazione dei dipendenti nelle 50 principali multinazionali USA rivela che gli impiegati più felici non si trovano a Cupertino ma altrove; anzi, Apple ha perfino perso terreno, capitombolando dalla top 10 del 2011 all’attuale 35esimo posto. In una scala da 1 a 5 sui luoghi di lavoro più appaganti, Apple si aggiudica un punteggio di soli 3.8 su 5, battuta dagli colossi come Twitter, LinkedIn, Facebook, Intel e da piccole startup come Slalom Consulting di Seattle.

I risultati sono stati generati analizzando oltre 500.000 recensioni di società compilate negli ultimi 12 mesi; di queste, 2.557 erano relative alla mela e rivelano un grado di apprezzamento del CEO Tim Cook pari a oltre il 92%. I Pro e i Contro di lavorare per Apple sono principalmente questi:

Pro:

  • “Si lavora con gente grandiosa, e si gode di orari flessibili e grandi benefit”
  • “Riesci a conoscere un sacco di gente in gamba visto che sei sempre nel mirino dell’attenzione pubblica”

Contro:

  • “Si viene continuamente spinti a dare di più, e ciò significa che non è facile trovare un equilibrio tra vita e lavoro”
  • “Qualche volta i turni sono lunghissimi a causa dei lanci di prodotto, ma questa è la parte migliore di Apple”

Se escludiamo le società che operano in campi diversi dall’high-tech, in ogni caso, Apple resta comunque la sedicesima al mondo in cui sperare di ottenere un contratto. Google, invece, se la cava meglio col quinto posto seguita da Qualcomm al tredicesimo.

Ti potrebbe interessare