iPhone 6, “niente graffi neppure se sfregato sull’asfalto”

Grazie agli ingenti investimenti nel Vetro Zaffiro che Apple sta portando avanti, l’iPhone 6 sarà resistente oltre ogni immaginazione.

Parliamo di

Sapevamo che Apple stava investendo oltre mezzo miliardo di dollari in Arizona, in un’impresa statunitense chiamata GT Advanced Technologies e specializzata nel cosiddetto Vetro Zaffiro. Si tratta di un materiale incredibilmente resistente, che Cupertino vorrebbe impiegare prima sull’iWatch prima e poi sull’iPhone di prossima generazione.

Gli ingenti investimenti servono a tenere bassi i costi di produzione di massa, soprattutto in relazione ai tagli di display più estesi, come per l’appunto nel caso dell’iPhone 6. A maggior ragione se, come si vocifera da tempo, Apple ha intenzione di saltare direttamente ai 5 pollici, curvi o no.

Il Vetro Zaffiro è 2,5 volte più resistente del Gorilla Glass impiegato nei modelli di iPhone e iPad in commercio, oltreché di quello della stragrande maggioranza dei prodotti concorrenti. Allo stato attuale, tuttavia, viene impiegato solo per la schermatura posta sulla fotocamera iSight e a protezione del Touch ID dell’iPhone 5s.

A dire del responsabile marketing di GT Advanced Technologies, Jeff Nestel-Patt, questo tipo di materiale è “virtualmente impossibile da graffiare,” e non risentirebbe neppure dello sfregamento sull’asfalto. Linda Reinhard, vice presidente della sezione Business Development and Product Management della società, spiega che è “la scelta ideale per un gran numero di coperture e touch screen nei telefoni ultraresistenti, nelle fotocamere, nei dispositivi da esposizione, negli smartphone e nei dispositivi con touch screen. Altri vetri rinforzati e tecnologie di protezione degli schermi cercano di emulare quel che il vetro forgiato in fornaci ASF fa naturalmente.”

Ti potrebbe interessare
iGroups, il brevetto Apple che apre la porta al mondo delle reti sociali
iPod touch

iGroups, il brevetto Apple che apre la porta al mondo delle reti sociali

Apple sta lavorando a “iGroups”, un’applicazione per una nuova rete sociale. L’applicazione sembra essere il naturale sviluppo di un brevetto presentato a gennaio e che sembrava essere la versione Apple di Google Latitude. Con questo nuovo brevetto, condividere la propria geo-localizzazione attraverso l’iPhone viene integrato come opzione dell’interfaccia della rete sociale iGroups. Secondo la documentazione

iTerm: utilizzare il terminale con semplicità
iPhone

iTerm: utilizzare il terminale con semplicità

iTerm si presenta come una finestra di Terminale, completamente accessoriata e potenziata. Questa piccola utility, scritta nativamente in Cocoa, permette ai Mac user più smaliziati di interagire con la riga di comando in modo più pratico ed efficiente. E’ possibile ad esempio aprire più finestre di terminale, vedendole organizzate come i tab di Safari o

Software Update per iPod Shuffle 2G
iPod iTunes Store Software Apple

Software Update per iPod Shuffle 2G

E’ disponibile la nuova versione 1.0.2 del software utilizzato nei nuovi iPod Shuffle 2G. E’ facile intuire le motivazioni che giustificano la realizzazione dell’update: risoluzione di molti bugs che affliggevano la versione precedente (io personalmente non ne ho mai riscontrati, voi?).Connettete lo Shuffle al vostro Mac, installate la nuova versione 1.0.2 del software e tornate

Un seminario sui nuovi iBook?
Apple Book

Un seminario sui nuovi iBook?

Un evento in programma per domani a Manhattan, sponsorizzato dalla stessa Apple e da CompUsa, parlerà dei “nuovi” iBook. Macity sostiene che, visto che di nuovi iBook non ce ne sono, questo sarebbe un altro indizio del debutto imminente dei MacBook. Il programma del seminario parla di un “iBook più economico di sempre (…) la

Intel sta disegnando i nuovi Power Mac?
Mac

Intel sta disegnando i nuovi Power Mac?

Apple Insider recupera e conferma un rumor che aleggiava già da tempo: Intel Oregon starebbe aiutando Apple nella realizzazione dei nuovi Power Mac. Non parliamo del design esterno, ovviamente, ma di quello interno, in particolare della scheda madre. Questa idea era già emersa quando venne ufficializzata la nascita di un settore Apple all’interno di Intel,