Furto di iPhone 4: l’arresto più veloce della storia

San Francisco, un comune pomeriggio di lunedì scorso. Jordan Sturm passeggiava tranquillamente col suo iPhone 4 in mano, quando all’improvviso una bicicletta sbucata dal nulla le passa accanto a gran velocità e le strappa letteralmente di mano il telefono. Si dà il caso, però, che quell’iPhone stesse testando il funzionamento di un sofisticato sistema di


San Francisco, un comune pomeriggio di lunedì scorso. Jordan Sturm passeggiava tranquillamente col suo iPhone 4 in mano, quando all’improvviso una bicicletta sbucata dal nulla le passa accanto a gran velocità e le strappa letteralmente di mano il telefono. Si dà il caso, però, che quell’iPhone stesse testando il funzionamento di un sofisticato sistema di tracking GPS in tempo reale destinato a forze dell’ordine e militari. Risultato, neppure 10 minuti dopo il ladro è stato acciuffato e arrestato.

A riportare la notizia, non senza un velo di ironia, è il San Francisco Chronicle che parla del ladro più sfortunato della città. E in effetti, come potrebbe definirsi altrimenti un tizio che tra migliaia di dispositivi riesce a rubare l’unico destinato a polizia ed esercito? Al momento dei fatti, il telefono in questione era impiegato in una dimostrazione delle tecnologie sviluppate da Covia Labs che permetteranno presto di localizzare in tempo reale e seguire gli spostamenti degli agenti, degli indagati e delle risorse. Il tutto condito da una pervasiva integrazione con telefoni, computer e altri dispositivi mediani.

Sporta immediatamente la denuncia, e contattata la polizia, Covia Labs ha fornito agli agenti la posizione del telefono minuto per minuto. Senza contare che, volendo, da remoto avrebbero potuto persino scattare foto o registrare l’audio del ladro, sebbene tale possibilità sia stata scartata a priori per evitare problemi di privacy. Ad ogni modo, neppure 10 minuti e un kilometro dopo, alle 4:01 del pomeriggio il ladro è stato catturato con la refurtiva in mano che tra l’altro, ironia della sorte, mostrava ancora la mappa dei suoi spostamenti. Quando si dice la sfortuna.

Ti potrebbe interessare