iPad Air, è record di attivazioni su rete AT&T

Il gestore statunitense AT&T conferma ufficialmente: il numero di attivazioni di iPad Air durante il primo weekend di commercializzazione ha segnato un nuovo record.

Parliamo di

Grazie all’analisi di Fiksu, sapevamo già che il traffico generato dagli iPad Air a pochi giorni di distanza dall’inizio della commercializzazione era tre volte superiore a quello registrato l’anno scorso con l’iPad di quarta generazione. Un risultato sorprendente che ora viene confermato anche da AT&T. Pur senza fornire dettagli specifici, il colosso delle telecomunicazioni statunitensi ha parlato di un numero di attivazioni tre volte superiore all’ultimo record.

Tradotto in italiano, il comunicato stampa recita:

Le attivazioni su rete AT&T sono cresciute di oltre il 200% negli ultimi tre giorni rispetto al weekend di lancio dell’anno scorso, trainate dall’eccitazione per i consumatori riguardo il nuovo iPad Air e la popolarità dei piani AT&T Mobile Share che consentono ai clienti di aggiungere un iPad al piano dati esistenti per soli 10$ al mese.

C’è da sottolineare che, l’anno scorso, l’iPad di quarta generazione WiFi+Cellular è arrivato con diverse settimane di ritardo rispetto al modello WiFi; senza contare che il comunicato glissa completamente sull’iPad mini Retina, al momento poco più che un desaparecido.

Ciononostante, dopo un po’ di botta e risposta tra stampa specializzata e AT&T, il carrier ha confermato ufficialmente: più di tre volte le attivazioni di novembre 2012. E la maggior parte di queste, come abbiamo già visto, sono dovute a clienti che possiedono già un modello di iPad più vecchio; pensate a quel che accadrà col Black Friday più in avanti, e con lo shopping natalizio incipiente. Come dire, nuovi record si profilano all’orizzonte di Cupertino.

Ti potrebbe interessare
Office 2011 SP2: un bug nei diritti di scrittura
Software Apple

Office 2011 SP2: un bug nei diritti di scrittura

Un bug di Microsoft Office 2011 per Mac permette a tutti gli utenti del sistema di avere i diritti di scrittura sulla cartella dov’è installato Office 2011. quando il suo contenuto dovrebbe in teoria essere unicamente modificabile dall’amministratore di sistema (l’utente root).