iPhone 5S, uno sguardo da vicino al chip A7 e al coprocessore M7

Come da tradizione, Chipworks ha esaminato al microscopio il chip A7 e il coprocessore M7 dell’iPhone 5s. Ecco cosa è emerso.

Parliamo di

Una delle novità più interessante dal punto di vista tecnologico dell’iPhone 5s è sicuramente costituita dall’accoppiata chip A7 e coprocessore M7; il primo è un complesso processore a 64 bit costituito da oltre 1 miliardo di transistor, mentre l’altro è decisamente più piccolo ma progettato per gestire in modo efficiente e continuativo accelerometro, giroscopio e bussola digitale.

Chipworks ha analizzato entrambi al microscopio elettronico, e ha confermato la firma di Samsung già evidenziata dallo smontaggio di iFixit. Per quanto concerne l’A7, ci troviamo di fronte ad un chip forgito con tecnologia a 28 nm (come il Samsung Exynos 5410 a 8 core impiegato nel sulla linea Galaxy), e molto più compatto dell’A6: rispetto ai 123 nanometri di quest’ultimo, lo spazio tra i transistor è stato ridotto del 7,3% fino a 114 nanometri. I transistor, in altre parole, sono molto più numerosi e molto più compatti rispetto alle precedenti generazioni.

L’M7, invece, è costituito da una porzione del chip ARM Cortex-M3 di NXP, funzionante a 180 MHz. È lui che si occupa della gestione dell’accelerometro Bosch Sensortec, del giroscopio STMicroelectronics e del magnetometro AKM:

Dopo aver carpito i dati dai sensori, l’M7 si lancia in una magia di matrici matematiche per ricavare un’orientazione assoluta del dispositivo nel mondo. Questi dati sono poi passati al processore A7 in un pacchetto ripulito, probabilmente nella forma di tre coefficienti: rotazione, inclinazione e imbardata.
Delegare il monitoraggio di questa tipologia di dati all’A7 significherebbe ucciderlo; l’M7 è stato introdotto per mantenere un occhio costante e a basso consumo su questi sensori.

Per uno sguardo da vicino alle scansioni al microscopio, e per approfondire gli aspetti più tecnici, potete dare un’occhiata alla pagina del sito Chipworks dedicata allo studio. Buon divertimento.

Ti potrebbe interessare
Un nuovo look per l’App Store di Apple
App Store

Un nuovo look per l’App Store di Apple

Apple ha rinnovato l’interfaccia grafica del proprio App Store, rendendolo più omogeneo al layout di iTunes 9, rilasciato diversi mesi fa.Le novità grafiche introdotte permettono una migliore fruizione delle informazioni nella pagina di ciascuna applicazione e offrono immagini e screenshot di dimensioni più grandi, permettendo agli sviluppatori di dare una “preview” più dettagliata e accattivante

Snow Leopard: primi screenshot del nuovo Quick Time
iPhone

Snow Leopard: primi screenshot del nuovo Quick Time

AppleInsider ha pubblicato alcuni screenshot di QuickTime che troveremo su Snow Leopard, il successore di Mac OS X 10.5 Leopard.Come già anticipato nei giorni scorsi, l’interfaccia utente di QuickTime sarà ridotta al minimo: niente pulsanti nella parte bassa della finestra dell’applicazione, i controlli saranno “a comparsa” (appariranno portando il cursore del mouse all’interno della finestra

Ive riceve il National Design Award
iPhone

Ive riceve il National Design Award

Due mesi fa vi avevamo annunciato la vittoria di Jonathan Ive di una delle più alte onorificenze che un designer possa aspirare di vincere: il National Design Award.Ieri sera, in presenza della First Lady Laura Bush, si è tenuto il Gala di premiazione organizzato alla Casa Bianca dal Cooper-Hewitt National Design Museum di New York.Il

L’iPod di Papa Ratzinger
iPhone

L’iPod di Papa Ratzinger

E così dopo la Regina Elisabetta anche Papa Ratzinger è in possesso di un iPod. In particolare un iPod Nano, ovviamente bianco, da 2Gb. Sul retro l’incisione “A Sua Santità, Benedetto XVI”. Il regalo è stato fatto in occasione della visita a Radio Vaticana, ente radiofonico che ha appena avviato un servizio podcast. Appena ammirato

Google crea applicazioni per Mac: si parte da Gmail Notifier
Software Apple

Google crea applicazioni per Mac: si parte da Gmail Notifier

Google ha recentemente rilasciato una versione per Mac del suo Gmail Notifier. Questa applicazione monitora costantemente il vostro account Gmail, segnalandovi l’arrivo di un nuovo messaggio. Tutto senza dover tenere aperto Safari o Mail.app. Nell’annuncio sul suo blog ufficiale il celebre motore di ricerca inizia a coccolare gli utenti della Mela: “Anche se questa è