Apple A7 prodotto da Samsung, M7 da NXP

L’analisi di Chipworks svela i segreti dei chip contenuti nel nuovo iPhone 5s

Parliamo di

Com’è ormai consuetudine non appena esce un nuovo prodotto della Mela solerti virtuosi del cacciavite effettuano lo smontaggio per scoprire cosa si nasconda all’interno, solo in pochi però riescono anche ad analizzare il contenuto dei chip, tra questi Chipworks che ha già passato al microscopio elettronico il processore Apple A7 ed il coprocessore di movimento M7 del nuovo iPhone 5s.

Chipworks ha così scoperto che il nuovo processore Apple A7 a 64 bit risulta prodotto da Samsung con tecnologia a 28 nm, rispetto ai 32 nm con cui è realizzato il processore Apple A6 che equipaggia l’iPhone 5c.

Nonostante quindi varie indiscrezioni che circolano da tempo sull’intenzione di Apple di affrancarsi dal produttore Coreano ed affidare la produzione dei nuovi processori alla Taiwan Semiconductor Company (TSMC), anche il nuovo iPhone 5s ha un processore prodotto da Samsung come tutti gli iPhone delle precedenti generazioni.

Ben più difficile è stato capire quale sia il coprocessore di movimento M7 sulla scheda madre dell’iPhone 5s, dato che si tratta di un chip molto più piccolo privo di un’etichetta che lo identifichi chiaramente con il nome che il marketing di Apple gli ha affibbiato.

Chipworks ha identificato nel chip LPC18A1 prodotto da NXP, posto tra i vari connettori della scheda madre, il coprocessore di movimento M7. I processori della serie LPC1800 sono dei microcontroller ad alte prestazioni basati sull’architettura ARM Cortex-M3.

Lo scopo del coprocessore M7 è quello di ricevere le varie informazioni sul movimento dagli accelerometri, dal giroscopio e dalla bussola, gestiti rispettivamente dal chip Sensortech BMA220 prodotto da Bosh, dal chip B329 prodotto da STM e dal chip AK8963 prodotto da AKM.

La lista dei fornitori che hanno contribuito alla realizzazione del nuovo iPhone 5s è però molto più lunga ed include anche Qualcomm per il chip LTE, Broadcom per il controller del touchpad e Sony per il sensore della fotocamera, solo per citare i più noti.

Ti potrebbe interessare
La guida ad iCloud rivela applicazioni web per MobileMe
iCloud Software Apple

La guida ad iCloud rivela applicazioni web per MobileMe

Apple ha pubblicato una guida provvisoria per la transizione da MobileMe ad iCloud. Il fine è quello di chiarire cosa cambia e come evitare possibili disservizi. La sezione Q&A promette che il calendario, i contatti, il client e-mail e Find My iPhone avranno tutti un’interfaccia web. Gli unici servizi che rimangono fuori sono: l’hosting iWeb,

Apple e l’effetto Osborne
iPhone

Apple e l’effetto Osborne

Tutti parlano dell’iPhone 5, perché ci si aspetta che anche quest’anno Apple presenti una nuova versione del proprio smartphone, ma ci sono pareri discordanti su quando verrà effettivamente annunciato e commercializzato.Alcune indiscrezioni parlano di un canonico giugno, altre rimandano a settembre o addirittura agli inizi del 2012, mentre si fa strada anche l’idea che a

Il nuovo iPhone in vendita dal 18 giugno ?
iPhone

Il nuovo iPhone in vendita dal 18 giugno ?

Boy Genius Report sostiene che il nuovo iPhone potrebbe essere in vendita tra un paio di settimane e più precisamente da venerdì 18 giugno sulla base di alcune supposizioni. Il primo elemento a conferma di questa ipotesi è l’elevato numero di vendite che i negozi AT&T si preparano ad affrontare nel mese di giugno, avendo

Max: codifiche audio senza limiti su Mac
iPhone

Max: codifiche audio senza limiti su Mac

Max è il software dedicato alla gestione completa delle conversioni tra i formati audio più disparati.Ogni volta che avete la necessità di tramutare un file audio, con formato poco diffuso, in uno più familiare, succede di trovarsi sprovvisti del giusto strumento. Lo stesso scenario si prospetta anche quando le tracce audio di un CD devono

Rapidweaver: Nuovi plug-in da LogHound
iPhone

Rapidweaver: Nuovi plug-in da LogHound

Ennio ci manda una bella recensione di LogHound, sito sul quale si possono trovare estensioni per RapidWeaver. Ricevo e pubblico con piacere:Rapidweaver si conferma essere l’applicazione che ribalta il modo di pensare il web editing autoriale. Per capirci meglio, va ad occupare la fascia di creazione e gestione di siti compresa fra gli e-portals (dai